FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pedalare nel cuore verde d’Italia tra Assisi e Spoleto

Una ciclabile per tutte le gambe, in una zona incantevole dell’Umbria

L'Umbria è una regione bellissima: anche se il terreno è per lo più collinoso, offre percorsi in bicicletta adatti a tutte le gambe. La ciclabile Assisi Spoleto è indubbiamente una delle più incantevoli di questa regione perché suggestiva e facile.

Pedalare nel cuore verde d’Italia tra Assisi e Spoleto

Dedicare un weekend e pedalare lungo questo itinerario, come ci suggerisce Viagginbici.com il Magazine del Turismo sostenibile, permette di visitare molti borghi e luoghi d'arte a pochi chilometri di distanza uno dall'altro di questa parte centrale dell'Umbria: si attraversano poi città d'arte come Assisi, Bevagna e Spoleto, ma si sfiorano anche altri borghi come Montefalco, Trevi e Pissignano, raggiungibili con brevi deviazioni. Tra un borgo e l'altro, poi, è tutto un pedalare nel verde della campagna umbra, tra campi coltivati, vigneti e uliveti.

Il percorso, che si sviluppa in parte su strade secondarie e in parte in sede propria, misura in totale 51 km, praticamente tutti in pianura. Volendo si può programmare una sosta a Bevagna, più o meno a metà strada, dove è possibile ammirare un centro storico bellissimo. Poi, ovviamente, c'è da considerare il ritorno, quindi se non si è ben allenati, la soluzione migliore potrebbe essere fermarsi una notte anche a Spoleto, per ripartire il giorno successivo e ripercorrere a ritroso la ciclabile, magari inserendo qualche deviazione per visitare i borghi limitrofi.

PARTENDO DA ASSISI - Appena sotto la Basilica di San Francesco, si scende sulla strada principale; poi si gira e si prende una strada secondaria tra il verde dei campi che conduce fino alla Basilica di Rivotorto. Superato un tratto un po' più trafficato, ci si immette su una serie di stradine secondarie senza traffico. Gli incroci sono tutti ben segnalati e si può pedalare in tranquillità fino a Cannara (città famosa per la prelibatezza delle sue cipolle). Da qui, tra un'alternarsi di stradine secondarie e tratti di pista ciclabile, si arriva velocemente a Bevagna (km 23), dove ci si ferma per visitare il suggestivo centro storico medioevale e per recuperare un po' di energie.

Da Bevagna il percorso prosegue completamente in sede propria, a parte alcuni attraversamenti dove occorre prestare un po' di attenzione. Il fondo è ottimo, completamente pianeggiante e scorre lungo l'argine di un fiume. Pedalando ci si lascia sulla destra la collina di Montefalco e poco dopo il borgo di Trevi, arroccato e circondato da migliaia di ulivi. Poco più avanti, sulla sinistra, si vedono i castelli di Pissignano e Campello sul Clitunno. Intanto, tutto intorno, è un susseguirsi di campi coltivati, dalle tante sfumature di verde, che rendono il paesaggio veramente piacevole. Arriviati al Terminal “Le Mattonelle”, alle porte di Spoleto, dopo 51 chilometri, è stato da poco inaugurato un bicigrill dove si può fare un pasto veloce o anche un pranzo più completo. Da qui è in costruzione un nuovo tratto di percorso che condurrà al centro di Spoleto e collegherà la Assisi-Spoleto con la bellissima ex ferrovia Spoleto-Norcia.

DOVE DORMIRE - Per gli alberghi e l'ospitalità tutte le informazioni le potete trovare sul sito Web di Umbria&Bike

Per scaricare la traccia del percorso potete utilizzare il seguente link http://www.openrunner.com/?id=4825312

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali