In bicicletta

Algarve: il Portogallo a due ruote

Un percorso affascinante negli angoli meno noti di una splendida regione

17 Feb 2014 - 09:00

L'Algarve è quella affascinante regione a sud del Portogallo che da sempre colpisce per la sua morfologia in apparenza inaccessibile: rocce a strapiombo sul mare, venti forti e acqua gelida. Eppure è meta di tanti vacanzieri che soprattutto d'estate popolano le sue spiagge. Chi ama i percorsi in bicicletta non deve perdere la Via Algarviana, quasi 300 km suddivisi in 14 tratti.

Algarve: il Portogallo a due ruote

1 di 19
© ufficio-stampa © ufficio-stampa © ufficio-stampa © ufficio-stampa

© ufficio-stampa

© ufficio-stampa

La proposta arriva da Viagginbici.com, il magazine del turismo sostenibile, ci suggerisce un percorso fuori dalle solite rotte che ci fa conoscere un'Algarve ancora più nascosta, ma molto caratteristica. La via Algarviana in origine era un antico sentiero religioso, seguito dai pellegrini che si recavano al Promontório de Sagres, luogo in cui furono rinvenute le reliquie di S. Vincenzo. Da Alcoutim, in prossimità del fiume Guadiana, quasi al confine con la Spagna, fino a Cabo de São Vicente, il percorso si snoda su circa 300 km suddivisi in 14 tratti; all'inizio e alla fine di ciascuno si trovano strutture ricettive e di ristorazione. Il tutto è pensato affinché ciascuno possa percorrere l'itinerario al proprio ritmo, o scegliere i tratti che reputa più interessanti.

SI PARTE DA ALCOUTIM - Partendo da Alcoutim, si attraversano 11 comuni dell'Algarve, che svelano la bellezza dell'entroterra di questa regione, anticamente occupata dai mori che hanno lasciato importanti testimonianze nei costumi e nell'archittettura. Poi si attraversa la Serra do Caldeirão, zona di produzione del sughero e ricca di borghi tipici. Oltrepassato São Bartolomeu de Messines, il sentiero segue il corso della Ribeira do Arade, un tratto di incredibile bellezza.
SILVES E IL SUO CASTELLO - Arrivati a Silves è obbligatoria una visita alla città, capitale del regno musulmano, e al suo castello, una delle più notevoli opere di architettura militare che gli arabi hanno lasciato a testimonianza del loro dominio. Questa fortificazione è situata sul punto più alto della collina su cui poggia la città. Il maniero è circondato da un imponente muro di terra battuta, ricoperto di arenaria rossa - il Silves gres - e occupa una superficie totale di circa 12 mila metri quadrati . Una volta usciti dalla cittadina ci si dirige verso la Serra de Monchique, zona in di produzione del 70% delle arance portoghesi, i cui meravigliosi panorami possono essere ammirati da Picola o da Fóia, i punti più alti dell'Algarve e da dove è possibile vedere entrambe le coste del paese.
L' ALENTEJO - Quando pedalando si comincia a sentire il profumo della salsedine, vuol dire che siamo nel Parque Natural do Sudoeste Alentejano. Qui le spiagge si alternano con ripide falesie, cui l'erosione, nel corso del tempo, ha regalato le forme e i colori più diversi. Il mare si infrange impetuosamente nelle scogliere multiformi che regalano alla vista panorami mozzafiato.
La via Algarviana si arrampica fino al lembo estremo del Portogallo e dell'Europa, il Cabo de São Vicente, il "Sacrum Promontorium" dei romani, dove si credeva si radunassero gli dèi. Qui l'oceano arriva impetuoso, agitato dai forti venti, che si calmano al cospetto della costa e che permettono alle onde di distendersi e ai turisti di fare il bagno, anche se in acque alquanto fresche persino nei mesi estivi.

UNA BICICLETTATA D'ALTRI TEMPI - Percorrendo la Via Algarviana è facile imbattersi nei mulini a vento e nelle case tradizionali imbiancate a calce, sulle quali si distinguono camini dai delicati arzigogoli, segno di quella cultura millenaria che durante la dominazione musulmana aveva reso l'Algarve, (dall'arabo "al-Gharb", terra occidentale al di là) una delle provincie più sviluppate.
Dopo aver completato il percorso lungo la Via, è possibile scegliere una delle numerose località balneari della zona e godersi qualche giorno di meritato riposo, per meglio imprimersi nella memoria i sapori e i profumi del mare e di questa, per molti secoli considerata la fine del mondo.

Tutte le informazioni per organizzare questo viaggio le trovate su http://coolbikestours.wix.com/coolbikesalgarve e http://coolbikes-tours-algarve.blogspot.pt
Altri suggerimenti su www.viagginbici.com

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri