FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sardegna: dal rosa al celeste, ecco La Maddalena

L’arcipelago, vicino alla Corsica è un vero paradiso italiano, è composto da 62 isole, tra cui Caprera e Budelli

L’arcipelago de La Maddalena si trova a nord-est della Sardegna, in provincia di Sassari, al “confine” con la Corsica visto che il suo mare è quello delle Bocche di Bonifacio. L’arcipelago, Parco nazionale, è costituito da 62 isole. Sette sono quelle principali: La Maddalena, la più importante nonché centro amministrativo, Caprera, Santo Stefano, Spargi, Budelli, Santa Maria e Razzoli: un paradiso per chi ama il mare. Ci si arriva con i traghetti in partenza ogni 15 minuti da Palau (ma anche da Santa Teresa di Gallura). Dista da Sassari circa 150 km.

L’ebbrezza dei Tropici alla Maddalena

L’arcipelago al nord della Sardegna, un vero paradiso italiano, è composto da 62 isole, tra cui Caprera e Budelli

leggi tutto

Un ponte per Caprera - Un ponte collega La Maddalena (unico centro abitato dell'arcipelago)  a Caprera (ci arrivano pure i traghetti da Palau). Pinete, cale sabbiose e scarpate a picco sul mare, un mare verde e una sabbia bianchissima. Caprera è protetta dal Parco ma è anche riserva naturale. Ammirarla dall’alto è uno spettacolo, basta salire sul monte Teialone o a Poggio Stefano. Attorno, le rocce di granito rosa. A Cala Garibaldi sbarcava l’eroe per tornare a casa, oggi museo visitatissimo: ci sono la stanza da letto, le camere dei figli, la cucina, il soggiorno con le candele che Garibaldi fabbricò assieme ad Antonio Meucci, in America. Davanti alla casa, il busto dell'eroe, il mulino a vento e il frantoio. Un breve sentiero conduce alle tombe della famiglia Garibaldi. Fino al 1959 era Clelia, l’ultima figlia del generale, ad accompagnare i turisti. Infine, le isole più piccole: Santo Stefano (ospita un grande villaggio turistico), Spargi (belle spiagge a est e vecchie fortificazioni a nord), Santa Maria (da non perdere la Cala omonima) e Razzoli, le cui rocce paiono delle opere d’arte.

Le spiagge? tra le più belle del mondo - Il che la dice lunga sul fascino delle insenature nascoste che questo laboratorio naturalistico offre (imperdibili le escursioni in barca o in gommone in un mare che passa dallo smeraldo al turchese, dall’azzurro al blu intenso). Delle spiagge, tra le più belle del Mediterraneo, la numero uno è la spiaggia Rosa, sull’isola di Budelli, set del film “Il deserto rosso” di Michelangelo Antonioni (1964) che la fece conoscere al mondo. E’ visitabile solo con le guide e la balneazione, il transito e l’ancoraggio dei natanti sono vietati. Quello che dà il caratteristico colore rosa è lo “scheletro” di piccolissimi animali, portato a riva dalle correnti.

Santuario dei delfini e delle balene - Altre spiagge splendide: cala Coticciu, Brigantina, Portese, Napoletana, Caprarese e del Relitto a Caprera, cala Corsara e cala Granara a Spargi, Cala Lunga a Razzoli. Meravigliosi sono i fondali, arricchiti dalle praterie di Posidonia e dalle concrezioni calcaree dell’alga rossa. Assai ricercate dai sub le secche di Spargiottello, Washington (a ovest di Spargi), dello Zoppo (a sud-ovest di Budelli) e Monaci (a est di Caprera). Tantissimi i pesci, i delfini si riproducono qui e qui si avvistano le balenottere (l’area marina del Parco è parte del Santuario dei cetacei, istituito da Italia, Francia e Principato di Monaco nel 1999) e la foca monaca, in via di estinzione.

Archeologia sub - Ci si può dedicare poi all’archeologia subacquea: l’imprevedibilità delle Bocche di Bonifacio, i fondali ricchi di secche e scogli e i venti violenti non hanno portato fortuna a numerose imbarcazioni, come la grande nave romana, affondata tra il 120 e il 110 prima di Cristo a secca Corsara, nelle acque di Spargi. Ma sono tanti i tesori sommersi, specie a Caprera. Una chicca, infine: la laguna smeraldina di Porto Madonna, racchiusa tra Budelli, Razzoli e Santa Maria. Si può fare snorkeling e seawatching.

Gastronomia: semplice e gustosissima - A La Maddalena il 22 luglio, durante la festa di Santa Maria Maddalena (con tanto di sfilata finale di costumi sardi) si può gustare il piatto tradizionale: una semplice ma saporita frittura di pesce. La frittura di pesce, ovviamente, viene proposta anche durante il restante periodo dell’anno in ristoranti e trattorie e, accompagnata da insalata di verdura fresca, costituisce un piatto veramente gustoso. Pesci cucinati semplicemente alla griglia o in preparazioni più elaborate, molluschi, crostacei sono i re della tavola dell’arcipelago.

Informazioni metereologiche in tempo reale: www.meteo.it

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali