FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dieci tappe golose per il tour della Liguria

Non soltanto luoghi incantevoli e mare splendido: la Liguria enogastronomica è tutta da assaggiare

L'Italia gastronomica riserva infinite sorprese. La Liguria, sospesa tra mare e monti, offre una serie di prodotti d’eccellenza, al top dell'agricoltura italiana e una salsa che li riassume in un trionfo di profumi e sapori, il pesto. Ma ecco dieci prodotti al top.

Unʼenogastronomia sospesa tra mare e monti

Olio Dop Riviera Ligure - Una storia lunga 2000 anni, fatta di amore per il territorio, passione e ricerca del sapore perfetto che si abbina a ogni piatto. Difficile sintetizzare quello che è l'olivicoltura in Liguria, un'arte antica tramandata nelle campagne. Le varietà di olivo locale sono sei: da queste nasce l'olio extravergine d'oliva ligure, fragrante e fruttato, con un retrogusto di pinolo o di carciofo crudo. Queste caratteristiche gli hanno fatto meritare la dop, la Denominazione di Origine Protetta per le riviere, sotto cui sono presenti tre menzioni geografiche: Riviera dei fiori, Riviera del ponente savonese e Riviera di levante.

Aglio (Presidio Slowfood) - Un aglio dall'aroma delicato e il sapore intenso, i cui bulbi sono tramandati da generazioni nell'Alta Valle Arroscia.

La Focaccia di Recco col formaggio - Se siete golosi e impazzite per la focaccia, assaggiate la Focaccia di Recco col formaggio. Ha origini antiche (XII secolo), ma il suo successo inizia ai primi del 1800, quando la ricetta fu riscoperta e promossa da un piccolo gruppo di ristoratori locali. È tutelata dal marchio IGP e dal Consorzio Focaccia di Recco col Formaggio. La trovate anche nei comuni confinanti di Avegno, Sori e Camogli. La Festa della Focaccia di Recco col Formaggio risale al 1955 e si svolge tutti gli anni l'ultima domenica di maggio.

Pesto - Per prepararlo secondo la ricetta tradizionale usiamo due DOP: il “basilico genovese” e l'Olio extravergine “Riviera Ligure”, forse per questo è così buono. Si chiama “pesto” perché per prepararlo si pestano gli ingredienti nel mortaio di marmo. Sono la luminosità della Riviera, le caratteristiche del terreno e dell'aria salmastra a determinare le qualità del basilico DOP. Le zone di produzione del basilico dop sono Voltri, Prà, Coronata per Genova, Diano Marina, Andora, Albenga per la Riviera di Ponente e la Val di Magra a Levante.

La razza bovina Cabannina (Presidio Slowfood) - È l'unica razza bovina autenticamente ligure, della Val d'Aveto: rustica, piccola, resistente che produce molto latte adatto alla caseificazione.

Vino Sciacchetrà - Colore da giallo paglierino a giallo dorato da giovane (2-3 anni), si fa dorato carico tendente all'ambrato se leggermente affinato (5-6 anni) e assume colore ambrato con nuances rossicce se abbastanza lungamente affinato (10-15 anni); dopo lungo affinamento si presenta ambrato con netti riflessi rossicci tendenti a un lieve marrone (20-30 anni). Profumo ampio e persistente, con sentori di mela, albicocca, ananas fresco e lievi di spezie e anice da giovane.

Carciofo (Presidio Slowfood) - Importato dalla Francia, tenero, senza spine, cresce quasi come un ortaggio selvatico. Ottimo con l’olio d’olive taggiasche.

Chinotto (Presidio Slowfood) - A Savona soprattutto. Il piccolo agrume verde, importato dalla Cina nel 1500, si gusta soprattutto immerso nel maraschino o candito.

Albicocca (Presidio Slowfood) - È di piccola dimensione con aroma e sapore molto intensi; si raccoglie soprattutto a Valleggia, da metà giugno a metà luglio.

La Tonnarella (Presidio Slowfood) - Poltrona, asino e vedetta sono termini che apparentemente non hanno niente in comune ma per i pescatori di Camogli indicano da sempre le tre barche in legno utilizzate per la pesca della tonnarella. Tonnarella e non tonnara perchè si tratta di un sistema di pesca simile ma più semplice e piccolo rispetto alla tonnara, due sole stanze rispetto alle sei-nove delle altre e una rete di sbarramento più corta. Inoltre le tonnare sono fatte per restare in mare solo poche settimane mentre la tonnarella a Camogli viene calata in mare per circa 6 mesi, da aprile a settembre. Questo sistema di pesca stagionale vanta secoli di storia a Camogli, la tonnarella è citata già in alcuni documenti e decreti che risalgono ai primi anni del 1600 ma si pensa sia molto più antica. Creata per pescare le specie pelagiche, ovvero i pesci di passaggio, la tonnarella ha basato la sua economia nei secoli sulla pesca dei tonni ma già dall'800 i quantitativi pescati erano sempre meno e questo ha comportato una riconversione della pesca verso specie di passo più piccole ma pregiatissime.

Maggiori informazioni : www.turismoinliguria.it

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali