FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Donnavventura: Haiti, terra di contrasti

Questa terra ha vissuto negli anni diverse sciagure. Una natura rigogliosa e un popolo poverissimo

Haiti sorge insieme alla Repubblica Dominicana sull’Isola Hispaniola: la prima scoperta da Cristoforo Colombo approdato nel Nuovo Mondo, occupandone la metà occidentale. Terra di deportazioni di schiavi africani e di pirati, Haiti pare essere afflitta da una sorta di maledizione: a pochi chilometri dalla spensierata Repubblica Dominicana, ha subito, infatti, nel corso degli anni varie sciagure che l’hanno ridotta a uno dei paesi più poveri al mondo, il più povero dell’emisfero settentrionale. L’80% della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno, il 70% non ha lavoro.

Già alla frontiera che divide il territorio haitiano da quello dominicano, la situazione preannuncia uno scenario spaventoso: ad Haiti si accede attraverso un semplice cancello, presidiato da militari armati, e si entra in un mondo di macerie, completamente diverso da ciò che si può incontrare nell’altra metà di isola, lasciandosi decisamente alle spalle l’atmosfera spensierata e festosa tipicamente dominicana.

Dopo lunghi periodi di carestie e diffusioni di colera, nel gennaio 2010 il terremoto più forte mai registrato nell’emisfero occidentale ha raso al suolo la capitale Port-au-Prince e l’intera Isola, peggiorando una situazione già da tempo critica.
Gli effetti devastanti del terremoto sono ancora ben visibili, tant’è che è difficile stabilire quanti abitanti vivano nella capitale, circondata da baraccopoli situate sulle colline.

Lontano dalla capitale il clima è certamente più disteso e la gente vive meglio, ma le condizioni generali rimango davvero difficili. La popolazione haitiana vive soprattutto di pesce, frutta, verdura: un’agricoltura di sussistenza, praticata su piccola scala.

Non è impossibile, però, lasciando la capitale e dirigendosi verso sud, scorgere scenari bucolici di rara bellezza. Ne è un esempio perfetto la piccola isola di Ile-a-Vache, situata dinnanzi alla cittadina di Les Cayes, che nasconde dei veri e propri tesori inesplorati: ex covo di pirati, l’isola è stata definita una delle ultime vergini delle Antille; un’oasi pacifica davvero invitante che fa ricordare che ci si trova ai Caraibi, uno dei luoghi al mondo dove la natura ha dato il meglio di sé.
Questo gioiello è raggiungibile solo in barca e il suo nome non è casuale: sull’isola abitano poche centinaia di persone che convivono con le mucche, e qualche altro animale come capre e cavalli, che si possono vedere pascolare liberamente.
Ile-a-Vache è un’apparizione, il luogo incontaminato e pacifico per eccellenza: un enorme contrasto con il resto del Paese che vale la pena assaporare.

Haiti, terra di contrasti

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali