FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Natasha Stefanenko: "La mia infanzia nella città invisibile"

La showgirl svela a "Mistero Magazine" gli anni in Unione Sovietica

Natasha Stefanenko: "La mia infanzia nella città invisibile"

L’infanzia e l’adolescenza in una città invisibile, nel cuore dell’allora Unione Sovietica e l’incidente nucleare evitato per un pelo da suo padre Boris. La vittoria per caso al concorso The Look of the Year nel 1991 (era stata notata poco prima al McDonald's) e il debutto su Canale 5 senza parlare una sola parola di italiano. Una Natasha Stefanenko inedita quella che si racconta a "Mistero Magazine".

"Per cinquant’anni la mia città natale non ha avuto nemmeno un nome, ma solo un numero: 45 - racconta ad Aldo Dalla Vecchia nel numero in edicola il 2 dicembre - A lungo non l'ho detto nemmeno a mio marito, perché così mi era stato insegnato fin da piccola, Ia mia famiglia adesso vive a Mosca, anche per la paura delle radiazioni, che lì sono sempre state molto alte".

Suo padre lavorava per lo Stato e per questo motivo lei, come gli altri bambini, non potevano avere contatti con il mondo esterno: "Mio papà è sempre stato a stretto contatto con l’uranio, e all’epoca non c’erano tante protezioni. Una volta fermò un incidente nucleare che avrebbe potuto avere conseguenze pesantissime".

Le cose cambiarono quando si trasferì a Mosca per frequentare l'università e in molti le fecero notare la sua bellezza fuori dal comune: "In Russia le modelle erano considerate stupide, poco serie. Poi nel 1991 vinsi il concorso The Look of the Year, e dopo qualche tempo venni in Italia. Da piccola mi chiamavano 'prolunga' per prendermi in giro; uno dei momenti più belli è stato quando ho scoperto il detto italiano 'Altezza mezza bellezza'. Finalmente giustizia era fatta anche per me!".

Accompagnata dalla presenza costante della nonna materna, la showgirl crede "nelle energie e con gli anni ho sviluppato un grande intuito. Nelle situazioni di pericolo, sento chiaramente che c’è una persona che mi guida, o forse sono io che ho imparato ad ascoltarmi, chissà… In realtà noi sappiamo sempre già tutto, solo che blocchiamo e oscuriamo tutto con la logica e i ragionamenti".

Natasha Stefanenko, da ʼprolungaʼ a cigno

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE