FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lo scherzo de "Le Iene" a Tina Cipollari: "Tuo figlio fa gare clandestine in auto" 

Lʼopinionista di "Uomini e Donne" in lacrime va alla polizia per denunciarlo

"Le Iene" hanno fatto passare ore terribili a Tina Cipollari, facendole credere che il figlio Mattias fosse coinvolto in un giro di corse clandestine. L'opinionista di "Uomini e Donne", distrutta e in lacrime, era arrivata al punto di denunciarlo alla polizia, mettendo in seria difficoltà l'inviato che non si aspettava un finale simile

Le microcar sono diffusissime tra i minorenni, ma il fenomeno preoccupa i genitori. Gli incidenti sono infatti all'ordine del girono e spesso i ragazzi modificano i motori dei veicoli (che per legge non possono superare i 45 km orari) e organizzano gare clandestine. L'inviato de "Le Iene" incontra Mattias per organizzare lo scherzo a mamma Tina: "Ha molta paura di queste macchinette, credo che si incaz*** di brutto".

 

Anche l'autofficina è complice dello scherzo e fa credere alla Cipollari di aver modificato la microcar, per farle raggiungere i 120 km orari e le mostra poi il filmato di una corsa clandestina. Alla fine del video vede suo figlio accerchiato da altri ragazzi, che lo minacciano per avere i soldi. A quel punto Tina non ci vede più e, preoccupata per l'incolumità del figlio, si fionda in Questura per denunciarlo.

 

Un epilogo inaspettato anche per la troupe delle "Iene", che non riescono a fermarla in tempo. "Ero combattuta ma non bisogna coprire le malefatte mai, nemmeno se si tratta di un figlio", ha spiegato lei tra le lacrime alla fine dello scherzo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali