FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torna "Notre Dame de Paris": da settembre lʼopera dei record di Cocciante è in tour in teatri e palazzetti

Da settembre lo spettacolo girerà tutta Italia toccando

Torna nei teatri e nei palazzetti italiani uno degli spettacoli teatrali più apprezzati al mondo: "Notre Dame de Paris", il musical kolossal con le musiche di Riccardo Cocciante e i testi di Pasquale Panella. Dal prossimo autunno lo spettacolo tratto dall'omonimo romanzo di Victor Hugo, che ha già appassionato più di 4 milioni di persone solo in Italia, prenderà nuovamente vita sui palcoscenici del nostro Paese.

Torna nei teatri "Notre Dame de Paris", il musical kolossal di Riccardo Cocciante

"Notre Dame de Paris" ha debuttato nella sua versione originale francese il 16 settembre 1998, al Palais des Congrès di Parigi, dove è stato subito trionfo. Quattro anni dopo, David Zard ha prodotto la versione italiana con l'adattamento di Pasquale Panella. Il 14 marzo 2002, al Gran Teatro di Roma, costruito per l'occasione, si è tenuta la "prima" di quella che sarebbe stata l'opera dei record. Un successo travolgente che ha raggiunto non solo il pubblico di Francia e Italia, ma quello di tutto il mondo: Inghilterra, Svizzera, Russia, Canada, fino a Cina, Giappone, Corea del Sud, Libano, Turchia, insieme a decine di altri paesi, riscuotendo ovunque un numero di presenze senza precedenti.

Un'ascesa incredibile che, soltanto nella stagione 2016, ha superato in Italia 1 milione di spettatori e affollato le 43 tappe, per un totale di 283 repliche a colpi di sold out, in 31 città. Nello stesso anno, "Notre Dame de Paris" è diventato un vero e proprio cult, ha fatto impennare le vendite dei biglietti teatrali, capitanando la classifica dei titoli e superando le presenze dei più grandi live della musica rock e pop, tanto da essere insignito del BigliettOne d'Oro TicketOne ai Rockol Awards 2016. Sempre nel 2016, la versione italiana ha continuato a collezionare prestigiosi riconoscimenti e ottiene ben tre Premi agli IMA (Italian Musical Awards): migliore spettacolo social, migliori musiche (Riccardo Cocciante) e migliore spettacolo classico.

Solo in Italia, in 17 anni sono state visitate 47 città per un totale di 145 appuntamenti e 1.246 repliche complessive. Il musical, inoltre, è stato tradotto e adattato in 9 lingue diverse (francese, inglese, italiano, spagnolo, russo, coreano, fiammingo, polacco e kazako) e ha attraversato 23 Paesi in tutto il mondo con più di 5000 spettacoli, capaci di stupire e far sognare 13 milioni di spettatori internazionali.

A firmare le musica dello spettacolo, Riccardo Cocciante. L'adattamento del romanzo ad opera di Luc Plamondon e di Pasquale Panella, diretto dal sapiente regista Gilles Maheu, si affianca alle coreografie e ai movimenti di scena ideati da Martino Müller. I costumi sono di Fred Sathal e le scene di Christian Ratz. Un team di artisti di primo livello che ha reso quest'opera un assoluto capolavoro.

Nel 2019 lo spettacolo farà tappa il 13 e 13 settembre a Pesaro, dal 19 al 21 a Parma, dal 3 al 5 ottobre all'Arena di Verona, dal 17 ottobre al 10 novembre a Milano, dal 22 al 24 novembre a Casalecchio di Reno, dal 28 novembre al 1 dicembre a Firenze, dal 4 all'8 dicembre a Napoli, dall'11 al 15 dicembre a Bari, dal 20 al 22 dicembre a Torino, dal 27 al 29 dicembre a Roma.




Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE