FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tiziano Ferro piange nella sua prima volta a San Siro: "Non vergognatevi di amare"

Sold out al Meazza per il cantante di Latina che ha regalato due ore di show e stasera si replica

Tiziano Ferro piange nella sua prima volta a San Siro: "Non vergognatevi di amare"

Il tour negli stadi 2015 è già cominciato, ma Tiziano Ferro sa che San Siro è un'altra cosa. Smoking nero, emozione palpabile, nella sua prima vera volta al Meazza, il cantante regala più di due ore di show, con una scaletta che funziona, tra "spogliarelli" e ricordi (scorrono le immagini da giovanissimo), piange dopo aver letto la lettera di un fan: "L'amore non è un fatto privato di cui vergognarsi, bisogna essere felici e vi invito ad esserlo".

Tiziano Ferro piange nella sua prima volta a San Siro: "Non vergognatevi di amare"

Il bilancio per Tiziano è inevitabile nella Milano dove vive ormai da anni e che, come sottolinea, è anche sua: "Sono serate miracolose, io non posso credere che questo stia succedendo esattamente a me. E' un privilegio assoluto", spiega nelle brevi pause che si concede.

Ricorda il primo tour, nel 2002, "quando non eravate così tanti", e quella volta a San Siro con Laura Pausini, che nei "titoli di coda" ringrazia con i Negramaro. Ma stavolta è diverso, sul palco al Meazza c'è solo Ferro, i fan sono tutti per lui. Ed è sold out. È diverso soprattutto perché Tiziano affronta a viso scoperto il suo pubblico, senza più paure, con la forza di chi sa di percorrere la strada giusta. E si può permettere finalmente di cambiare le parole, di declinare i verbi al maschile anche quando si parla di amore.

Il cantante di Latina si ferma, legge una lettera di un fan e spiega: "Credo molto al caso, oggi stavo distraendomi leggendo delle lettere che mi sono arrivate dai fan. Non email, ma lettere. Ne ho letta uno di un uomo che citava una mia canzone, parlo d'amore e prendo in prestito le sue parole: 'Ti auguro di non soffocare in inutili sensi di colpa, e di vuoto perché nessuno senza colpe ha pietre da scagliarti addosso.... Ti auguro di non nasconderti in un angolino e di non levare il disturbo, di auguro che l'amore sappia farsi prossimo per chiunque, perché non sia inutile il sorriso, quel sorriso che è esploso per volerti meno male come una mattina da vestire e da spogliare'...".

Ma il concerto-evento è anche uno show, con le scenografie coloratissime e "spogliarelli" improvvisati in controluce tra un cambio d'abito e l'altro sul palco. Si comincia con "Xdono" e si chiude con "Incanto", in mezzo hit vecchie e nuove come "La differenza tra me e te", "Sere nere", "E fuori è buio", "Scivoli di nuovo", "Stop! Dimentica", "Ed ero contentissimo", "L'amore è una cosa semplice", "Ti scatterò una foto"... Una scaletta che funziona e che soddisfa i fan. In un vero clima da stadio sugli spalti appare una enorme coreografia: "Grazie Tiziano".

Ad applaudirlo ci sono le ragazzine, ma anche le nonne che intonano le canzoni e giovani arabe con tanto di velo che "costringono" i mariti a sorridere. Il "miracolo" di Tiziano Ferro è anche questo. E stasera, a San Siro, si replica.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali