FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stevie Wonder: "Il mio avvocato mi ha raggirato sfruttando la mia cecità"

Il cantante statunitense ha fatto causa alla famiglia dellʼavvocato Johanan Vigoda. Anche dopo la morte del legale i parenti hanno continuato a percepire una percentuale sui diritti dʼautore di Wonder

Stevie Wonder: "Il mio avvocato mi ha raggirato sfruttando la mia cecità"

Il cantante americano Stevie Wonder ha presentato causa in tribunale contro la famiglia dell'avvocato Johanan Vigoda, che lo avrebbe truffato quando Wonder aveva solo 21 anni. Deceduto nel 2011 e legale del cantante per decenni, lo avrebbe indotto a firmare a sua insaputa, sfruttando la sua cecità, un contratto con il quale la star si impegnava a pagare parte dei diritti di autore alla sua famiglia a tempo indeterminato.

Secondo quanto riferiscono i media statunitensi, Wonder sostiene che il contratto prevedeva che all'avvocato andasse il 6% dei suoi diritti di autore. Una volta deceduto il legale, però, la stessa percentuale passava a tempo indeterminato alla sua famiglia: una clausola, questa, di cui la star non era a conoscenza. Wonder ha detto di non essersi reso conto che la sua casa discografica ha continuato a pagare i parenti del legale per due anni dalla sua morte, e quando se ne è accorto, ha ordinato di fermarli.

Nei documenti presentati in tribunale afferma di essere stato tradito da un uomo di cui si fidava, e chiede al giudice di dichiarare che l'avvocato ha approfittato di un cieco.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali