FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Venezia 76, applausi per il film dʼapertura "La verité": Deneuve e Binoche prime regine del red carpet

Al via al Lido la Mostra del Cinema con le protagoniste della pellicola in Concorso del giapponese Kore-eda. Oggi attesa per Brad Pitt e Scarlett Johansson

Su il sipario della Mostra del Cinema di Venezia 76. La partenza è stata affidata a un film lungamente applaudito, "La Veritè" del giapponese Hirokazu Kore-eda, gran tessitore di legami famigliari (Palma d'oro a Cannes nel 2018): una resa dei conti con abbraccio finale tra una madre attrice (Catherine Deneuve) e una figlia (Juliette Binoche) poco vissuta per inseguire il vero amore, quello della recitazione. Sul primo red carpet hanno brillato le due protagoniste, fotografatissime e inneggiate dal pubblico.

Venezia 76, cerimonia dʼapertura e primo film: ecco il red carpet

Per Catherine Deneuve, settantacinque anni, due César, una coppa Volpi vinta a Venezia, un Orso d’argento a Berlino, una nomination all’Oscar per una carriera lunga sessant’anni, il film diretto dal giapponese Kore-eda è una buona partenza per conoscere di più la sua personalità: "Ho messo molto di me stessa come donna nell'attrice protagonista della storia" ammette. Interpreta Fabienne, un monumento del cinema francese che riceve la visita della figlia sceneggiatrice Lumir (Juliette Binoche) attrice mancata con cui ha un rapporto molto problematico, in occasione dell'uscita delle sue memorie autobiografiche e mentre è impegnata nelle riprese di un film. Fabienne è una madre di fatto anaffettiva, concentrata solo sulla professione e sui suoi ricordi anche dolorosi.

"Io la capisco perfettamente questa donna", aggiunge la Deneuve. L'incontro tra madre e figlia, con la complicità della nipotina Charlotte e del genero attore di serie B (Ethan Hawke), si trasformerà in un confronto sul passato e i risentimenti reciprochi che le avevano allontanate, in una sorta di resa di conti.

In programma per giovedì 29 tre film in Concorso. "The Perfect Candidate" di Haifaa Al-Mansour, regista dell’Arabia Saudita che ha sfiorato l’Oscar con "La bicicletta Verde", e soprattutto i primi due pesi massimi americani: "Marriage Story" di Noah Baumbach con Scarlett Johnasson, Adam Driver e Laura Dern e "Ad Astra" di James Gray con Brad Pitt e Liv Tyler. In giornata la consegna del Leone d’oro alla carriera al regista spagnolo Pedro Almódovar.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali