FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nastri d'argento: "Favolacce" è il miglior film, ma il "Pinocchio di Garrone porta a casa più premi

Sono stati annunciati i vincitori dei Nastri che saranno consegnati al Maxxi di Roma in una cerimonia con la presenza dei premiati


Sono stati annunciati i vincitori dei Nastri d'argento 2020, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà lunedì sera e sarà dedicata alla memoria di Ennio Morricone. "Favolacce" di Damiano e Fabio D'Innocenzo è il miglior film, mentre "Pinocchio" di Matteo Garrone ottiene la statuetta per la regia e l'attore non protagonista (Roberto Benigni). In totale "Pinocchio" vince più premi: sei contro i cinque dell'opera dei fratelli D'Innocenzo.

LEGGI ANCHE: Berlinale 2020, trionfa l'Italia: Orso d'argento all'attore Elio Germano

 

La rivisitazione della favole di Collodi porta a casa anche scenografia, montaggio, sonoro e costumi a pari merito proprio con "Favolacce", che invece ottiene i riconoscimenti per film, produttore, sceneggiatura, fotografia e costumi.

 

Saranno tutti premiati al Museo Maxxi di Roma con la conduzione di Anna Ferzetti. Ottimo risultato anche per "Figli" di Giuseppe Bonito (miglior commedia, attore di commedia Valerio Mastandrea e attrice Paola Cortellesi) e, sempre con tre premi, "La dea fortuna" di Ozpetek (miglior attrice protagonista Jasmine Trinca, colonna sonora e canzone originale "Che vita meravigliosa" di Diodato); a cui si aggiunge "Il cameo dell'anno" a Barbara Alberti. La straordinaria trasformazione in Bettino Craxi in "Hammamet" è valsa a Pierfrancesco Favino il premio come Miglior attore. Premiata anche come miglior attrice non protagonista Valeria Golino per due film, "Ritratto di una giovane in fiamme" e "5 è il numero perfetto".

 

Miglior regista esordiente è Marco D'Amore per "L'immortale"; il riconoscimento per il miglior soggetto va a "Il signor diavolo" di Pupi, Antonio, Tommaso Avati. Tra i premi speciali assegnati dal direttivo dei giornalisti cinematografici, Film dell'anno è "Volevo nascondermi" di Giorgio Diritti che vede premiati anche i produttori Carlo Degli Esposti e Nicola Serra (Palomar) e Paolo Del Brocco (Rai Cinema) e il protagonista Elio Germano, e il "Nastro alla carriera" a Toni Servillo.

 

POTREBBE INTERESSARTI:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali