FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Lino Banfi e la figlia Rosanna replicano ad Al Bano: "Non è vero che i giovani non vogliono lavorare"

L'attore e la figlia dichiarano che non hanno problemi a trovare personale per il loro ristorante romano

Lino Banfi, Al Bano
IPA

Solo pochi giorni fa Al Bano aveva lanciato il suo grido d'allarme: "Non c'è più manodopera a causa del reddito di cittadinanza".

Così come avevano fatto prima

Flavio Briatore

e

Alessandro Borghese

. Ora un altro pugliese doc replica alle sue affermazioni, smentendolo.

Lino Banfi

insieme alla figlia

Rosanna

hanno infatti dichiarato che loro "non hanno problemi a trovare personale nel ristorante a Roma".

 



 


La famiglia Banfi ha infatti aperto un ristorante a Roma nel 2017 specializzato in cucina pugliese.


 


"Non è vero ciò che dicono, noi nel nostro ristorante di Roma non abbiamo problemi a trovare manodopera - spiega Rosanna - Nel nostro ristorante lavorano ragazzi che abbiamo assunto cinque anni fa e altri presi più di recente. Vero è che, oltre a offrire un contratto regolare, noi assicuriamo anche un clima di lavoro sereno e familiare. Se uno ha un problema, gli si va incontro". Ora si attende la replica di Al Bano.


 


TI POTREBBE INTERESSARE:



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali