FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il dramma di Michael Bublè: "Mi fermo per stare vicino a mio figlio, ha il cancro"

Il cantante canadese ha annunciato su Facebook la malattia del piccolo Noah

Il dramma di Michael Bublè: "Mi fermo per stare vicino a mio figlio, ha il cancro"

Il dramma di Michael Bublè. Il cantante canadese ha annunciato attraverso la propria pagina Facebook di avere annullato tutti i suoi impegni professionali per stare vicino al figlio Noah, gravemente malato. "Siamo sconvolti per la recente diagnosi di cancro di nostro figlio maggiore" ha scritto. Il bambino è attualmente in cura negli Stati Uniti. Bublè ha recentemente pubblicato il suo nuovo album.

Qualche settimana fa sarebbe dovuto essere a Milano per incontrare i fan ma l'appuntamento era stato fatto saltare all'ultimo momento. Tra gli altri impegni, un'intervista esclusiva negli studi di Radio 105. Ora è chiaro il motivo.

"Io e Luisana (Lopilato, la moglie - ndr) abbiamo messo le nostre carriere da parte per dedicare tutto il nostro tempo e tutte le nostre attenzioni per aiutare Noah a guarire. In questo momento difficile, chiediamo solo le vostre preghiere e rispetto per la nostra privacy. Abbiamo un lungo viaggio davanti a noi e spero che, con il sostegno della famiglia, degli amici e dei fan di tutto il mondo, noi vinceremo questa battaglia, a Dio piacendo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali