FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gli 80 anni di Faye Dunaway, icona sofisticata degli anni 70

Nel corso della sua carriera lʼattrice ha vinto un Premio Oscar, tre Golden Globe, un Bafta e un Emmy

Faye Dunaway, star di film indimenticabili come "Bonnie and Clyde", "Chinatown" e "Quinto Potere" festeggia il suo ottantesimo compleanno. Icona degli anni 70, nel corso della sua carriera l'attrice ha vinto un premio Oscar, tre Golden Globe, un Bafta e un Emmy, mentre nel 2011 il governo francese le ha conferito l'onorificenza di Ufficiale dell'Ordine delle Arti e delle Lettere. 

Faye Dunaway compie 80 anni: le foto della sua carriera

 

Nata il 14 gennaio 1971 a Bascom, una cittadina della Florida, e figlia di un militare dell'esercito degli Stati Uniti, Dunaway ha debuttato a teatro negli anni '60, quando neanche ventenne ottenne una piccola parte a Broadway nello show 'E venne la notte'. Il salto nel 1966 quando Elliot Silberstein la volle per 'Cominciò per gioco' con Anthony Quinn. La Dunaway fu poi scelta da Arthur Penn per 'Gangster Story' (1967), ispirato alla storia di Bonnie e Clyde, nel quale si ritrovò a recitare al fianco di Warren Beatty e Gene Hackman. La sua interpretazione di Bonnie le valse una nomination all'Oscar come migliore attrice protagonista.
   

Dopo aver lavorato al fianco di Jane Fonda in 'E venne la notte' di Otto Preminger e di Steve McQueen ne 'Il caso Thomas Crown' di Norman Jewison, alla fine degli anni '60 l'attrice sbarcò in Italia dove ebbe il ruolo di Julia nel film "Amanti" (1968) diretto da Vittorio De Sica. L'altro protagonista era Marcello Mastroianni, nei panni di Valerio. Tra i due personaggi nasceva una storia d'amore e presto la finzione si trasferì nel mondo della realtà e la Dunaway e Mastroianni iniziarono una storia amorosa che sarebbe tre anni. Successivamente l'attrice tornòa Hollywood.

 

 

L'apice della sua carriera sarebbe arrivato negli anni 70 con film come 'Chinatown' di Roman Polanski (1974), nel ruolo di Evelyn Cross Mulwray che le valse la seconda nomination all'Oscar, e L'inferno di cristallo (1974), diretto da John Guillermin, il cui cast comprendeva Paul Newman, Steve McQueen, William Holden, Fred Astaire, Jennifer Jones e Robert Wagner.


L'Oscar come miglior attrice arrivò con l'interpretazione di Diana Christensen in 'Quinto Potere', film di Sidney Lumet del 1976 sugli abusi della cronaca. Per lo stesso ruolo vinse anche il Golden Globe.

 

Negli anni 80 Faye Dunaway si è dedicata soprattutto alla televisione apparendo in alcuni episodi del serial 'Il tenente Colombo' ed è tornata anche a lavorare in Italia, interpretando la regina Isabella di Castiglia nello sceneggiato 'Cristoforo Colombo' di Alberto Lattuada, nel film di Carlo Vanzina 'La partita' e con Lina Wertmüller ne 'In una notte di chiaro di luna'.

 

 

Nel 2017 la Dunaway, alla quale Hollywood ha anche dedicato una stella lungo il celebre Walk of Fame, è stata protagonista di una delle gaffe più clamorose della storia della cerimonia degli Oscar, quando in coppia con Warren Beatty dichiarò erroneamente "La La Land" come miglior film invece del legittimo vincitore "Moonlight". In realtà l'errore non fu dei presentatori, bensì di chi aveva il compito di consegnare le buste con i nomi dei vincitori. In un'intervista a Variety la Dunaway ha rivelato di sentirsi ugualmente un po' colpevole. "Avrei potuto fare qualcosa - ha ammesso -. Come ho fatto a non vedere il nome di Emma Stone sul cartoncino?".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali