FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gina Lollobrigida, l'ex manager Piazzolla a processo per circonvenzione di incapace

E' accusato di aver sottratto alla diva beni per oltre 300 mila euro che ha poi messo all'asta, la Procura di Roma ha chiuso le indagini

Opere d’arte e cimeli messi all’asta per oltre 300 mila euro. La Procura di Roma chiude le indagini nei confronti di Andrea Piazzolla, ex manager di Gina Lollobrigida. E anche se la diva 93enne ha sempre difeso il suo factotum 34enne, l'accusa è circonvenzione di incapace. A dare il via al nuovo processo sono stati il figlio e il nipote dell'attrice.

 

 

Secondo la Procura Piazzolla avrebbe approfittato dello stato di "vulnerabilità" della Lollobrigida per mettere le mani sul suo patrimonio. Secondo quanto accertato dagli inquirenti, che hanno avviato una indagine dopo una denuncia presentata dai familiari della diva, avrebbe messo in atto azioni per allontanare la Lollobrigida, oggi 93enne, dai parenti e impossessarsi dei sui beni.

 

Una serie di operazioni sospette che sarebbero andate avanti dal 2013 al 2018 ad opera dell'ex manager nel suo ruolo di curatore della società che gestiva i beni dell'attrice, da circa un anno al vaglio di un amministratore di sostegno nominato dal giudice tutelare. Piazzolla avrebbe depauperato il patrimonio dell'attrice abusando del suo stato di debolezza psichica facendole compiere una serie di atti giuridici che le hanno causato un ingente danno patrimoniale. Ora che le indagini sono state chiuse si va verso il processo.

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali