FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bob Marley, 35 anni senza la leggenda del reggae

Lʼ11 maggio 1981 moriva il cantautore giamaicano portatore di messaggi di pace e uguaglianza

Bob Marley, 35 anni senza la leggenda del reggae

L'11 maggio 1981 moriva di tumore Bob Marley. Aveva 36 anni e le sue ultime parole rivolte al figlio Ziggy furono: "I soldi non possono comprare la vita". Prima star mondiale del Terzo Mondo, è stato qualcosa di più di un semplice musicista: non solo la figura più nota del panorama reggae, ma soprattutto ambasciatore di tutta un'isola (la Giamaica) e divulgatore di valori come libertà e uguaglianza.

Bob Marley è un'icona che continua a irradiare la sua potenza ad anni di distanza. "Tuff Gong", il soprannome che si era guadagnato nelle strade di Trenchtown, il ghetto di Kingston, è una figura unica nella storia musicale e non solo del '900. Difficile trovare nelle cronache della musica popolare un personaggio che sia riuscito a trasmettere un simile messaggio di fratellanza e di pace, a rendere così chiara la capacità trascendente di un concerto.

Venerato quasi come una divinità in patria, è stato mito in vita e dopo la morte è diventato leggenda. Quando fu sepolto, nella bara trovarono posto accanto a lui le sue due grandi passioni, la chitarra e il pallone da calcio.

E' quasi impossibile fare un elenco delle canzoni più belle e dense di significato di Marley: tra le tante, ricordiamo "I shot the sheriff", "Get up, stand up", "Stir it up", "No woman no cry", "Exodus", "Is this love", "Redemption song", "One love", "Catch a Fire".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali