FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Parlamento Ue dichiara l'Unione Europea "zona di libertà LGBTIQ"

Una risposta "all'arretramento sui diritti LGBTIQ in alcuni Paesi Ue, in particolare in Polonia e Ungheria"

Istockphoto

In una risoluzione adottata l'11 marzo 2021 con 492 voti favorevoli, il Parlamento Ue ha dichiarato l’Unione Europea "zona di libertà LGBTIQ". Una risposta vibrante e forte "all'arretramento sui diritti LGBTIQ in alcuni Paesi Ue, in particolare in Polonia e Ungheria" a due anni dalla prima "zona esente da LGBTIQ" dichiarata da un'autorità polacca.

Il contesto - Dal marzo del 2019, più di 100 regioni, contee e comuni polacchi hanno adottato risoluzioni in cui si dichiara di essere esenti dall'"ideologia" LGBTIQ.  Secondo queste risoluzioni, i governi locali dovrebbero astenersi dall'incoraggiare la tolleranza verso le persone LGBTIQ e bloccare i finanziamenti alle organizzazioni che promuovono la non discriminazione e l'uguaglianza.

 

Le richieste del Parlamento Ue - Dopo aver condannato gli arresti degli attivisti e gli attacchi e divieti alle marce del "Pride" in Polonia, i deputati del Parlamento europeo hanno ufficialmente invitato la Commissione Ue a utilizzare ogni tipo di strumento (comprese le procedure di infrazione, l’articolo 7 del trattato sull’Ue, così come il regolamento adottato recentemente sulla protezione del bilancio Ue e il rispetto dello Stato di diritto) con l'obiettivo di porre fine alla violazione dei diritti fondamentali delle persone LGBTIQ nell'Unione Europea.

 

Il caso dell'Ungheria - All'interno della risoluzione presentata dal Parlamento Ue, vi è inoltre una menzione relativa al deterioramento della situazione in Ungheria. Nel novembre del 2020 infatti la città ungherese di Nagykàta ha adottato una risoluzione che vieta la "diffusione e la promozione della propaganda LGBTIQ". Un mese dopo, il Parlamento ungherese ha adottato alcuni emendamenti costituzionali che limitano ulteriormente i diritti delle persone LGBTIQ, disconoscendo così l’esistenza di individui transgender e limitando il loro diritto a una vita familiare.

 

La parola ai parlamentari Ue - Secondo i deputati, "le persone LGBTIQ ovunque nell'Ue dovrebbero godere della libertà di vivere e mostrare pubblicamente il loro orientamento sessuale e la loro identità di genere senza temere intolleranza, discriminazione o persecuzione, e le autorità a tutti i livelli di governo in tutta l'Ue dovrebbero proteggere e promuovere l'uguaglianza e i diritti fondamentali di tutti, comprese le persone LGBTIQ''.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali