FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Baricco e lo Storytelling: le aziende devono saper raccontare se stesse

Al MiCo, sul palco del World Business Forum di Milano, uno dei più noti esponenti della narrativa italiana contemporanea

Baricco e lo Storytelling: le aziende devono saper raccontare se stesse

Tutti ne parlano ma pochi sanno cosa è veramente lo Storytelling. A chiarirci le idee ci penserà uno dei più noti esponenti della narrativa italiana contemporanea: Alessandro Baricco. Sul palco del World Business Forum di Milano (3-4 novembre al MiCo) ci spiegherà come e perché le aziende devono saper raccontare se stesse. Infatti non c'è nulla nella vita reale che non abbia a che fare con lo Storytelling, ma non c'è niente di veramente reale se non si è in grado di raccontarlo.

Nato a Torino nel 1958, Baricco si laurea in Filosofia con una tesi su Theodor Adorno. L'amore per la musica e per la letteratura ispirano sin dagli inizi la sua attività di saggista e narratore. Esordisce come scrittore con un saggio su Rossini, ma si afferma con il romanzo Castelli di rabbia, che riscuote un grande consenso di pubblico e di critica.

Alla letteratura Baricco affianca l'attività di conduttore televisivo oltre a quella di autore, regista e interprete teatrale e regista e sceneggiatore cinematografico. Tra le opere più note dello scrittore si ricordano Oceano mare, il monologo teatrale Novecento, da cui Giuseppe Tornatore ha tratto il film La leggenda del pianista sull'oceano, Seta, I Barbari, saggio sulla mutazione.

Dal 1994 presiede Scuola Holden, la scuola di Storytelling&PerformingArts da lui fondata a Torino. Alla Holden si studia non solo per diventare scrittori, ma anche registi, attori, sceneggiatori, copywriter, social media manager, fumettisti, reporter, autori televisivi o radiofonici.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali