FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Comʼeri vestita?" in mostra per lʼ8 Marzo

torna a Milano La mostra contro la colpevolizzazione delle vittime di stupro

“Com’eri vestita?” è la domanda che puntualmente, in tutto il mondo, le vittime di violenza si sentono fare dopo la denuncia di stupro.

“Com’eri vestita?” è il titolo della mostra, promossa da Libere Sinergie, che verrà ospitata da mercoledì 6 a venerdì 8 marzo al III piano del Tribunale di Milano.

Il grembiule delle pulizie, il vestito da sera, il pigiama indossato per una tranquilla serata domestica: sono 17 gli abiti esposti. A ciascuno di essi corrisponde una storia vera di violenza. La N.1 è quella di Jessica Valentina Faoro, giovane ragazza di 19 anni uccisa a coltellate dall'uomo che voleva abusare di lei e al quale si era ribellata.

Il programma dell’inaugurazione prevede gli interventi di: Silvia Cattafesta, vicepresidente Libere Sinergie; Alessia Sorgato, Avvocato e giornalista; Nadia Muscialini, psicoanalista e scrittrice. Prenderanno parola, durante la cerimonia: Roberto Bichi, Presidente del Tribunale di Milano; Marina Tavassi, Presidente della Corte di Appello di Milano, i giudici Giovanna Ichino e Fabio Roia, il cui aiuto è stato prezioso per la realizzazione della mostra in Tribunale.

Questa a Palazzo di Giustizia è l’ultima di una quarantina di tappe compiute nel corso di un anno. Un viaggio iniziato alla Fabbrica del Vapore di Milano, l’8 marzo scorso, che ha toccato piccole e grandi realtà, dagli Atenei di Verona, di Pavia, Bari, Parma, Torino e Trento, alla Bocconi; da Crespi d’Adda a Grosseto, da Desio a Firenze.
Tutte le storie sono state tradotte in quattro lingue - italiano, inglese, spagnolo e francese - con l’intento di rivolgere a un’ampia platea un messaggio che deve essere chiaro: “la violenza sessuale non è colpa delle vittime, qualunque cosa indossino”.

La mostra è fruibile anche dai non vedenti, attraverso un QRcode per tutti i testi.

“Com’eri vestita?” è un progetto realizzato per la prima volta nel 2013 dall’Università del Kansas - What were you wearing? - che  Libere Sinergie ha contestualizzato alla realtà italiana.

“Com’eri vestita?” ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Dipartimento delle Pari Opportunità del Consiglio dei Ministri.

Libere Sinergie è un’associazione culturale impegnata nella prevenzione e nel contrasto di ogni forma di violenza e di discriminazione fondate sulla differenza di genere. Libere Sinergie promuove inoltre lo sviluppo di una cultura che superi stereotipi e pregiudizi, per contribuire a creare una società nella quale vengano valorizzate le pari opportunità in ogni ambito privato e pubblico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali