FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola, un diplomato su due pentito della scelta fatta alle medie

I dati dell’ultimo Rapporto AlmaDiploma: il 46% degli studenti che ha concluso le superiori nel 2018 è insoddisfatto del suo percorso scolastico

Scuola, un diplomato su due pentito della scelta fatta alle medie

Orientamento, funziona davvero? Il dubbio è lecito. Perché secondo gli ultimi dati di AlmaDiploma sul profilo dei diplomati 2018, così come riportati dal sito Skuola.net, circa la metà dei ragazzi che arriva all'esame di Maturità è pentita della scelta fatta cinque anni prima. Il 34%, infatti, tornando indietro – alla fine della terza media - sceglierebbe un indirizzo differente, mentre un altro 12% cambierebbe solo l'istituto a cui si è iscritto. E se due ‘insoddisfatti’ su 5 sono rimasti delusi soprattutto dalle materie studiate, più del 18% avrebbe voluto essere formato maggiormente per l'ingresso nel mondo del lavoro. Numeri simili per chi, invece, avrebbe voluto compiere studi più adatti alla scelta universitaria che aveva in mente.

I più disorientati? I diplomati dei professionali
Tra chi avrebbe cambiato corso e/o scuola, c'è una maggiore quota di ex studenti dei professionali (50,7%), seguiti dai tecnici (46,2%). I liceali, invece, sono i meno pentiti (44,9%). La stessa condizione di "disorientamento" tra i ragazzi delle scuole tecniche si verifica se parliamo della scelta post diploma. Alla vigilia della Maturità, infatti, il 14% complessivo si diceva totalmente incerto sulle decisioni per il futuro. E se al liceo la quota si riduce solo al 7,7%, tra i diplomati dei tecnici c’è un picco del 21,1%; ancora peggio nei professionali (22,5% di indecisi).

Orientamento? Bene ma non benissimo
Studenti spaccati a metà sull’orientamento svolto a scuola. I dati ci dicono che il 52% dei diplomandi è soddisfatto, ma il resto non manifesta lo stesso entusiasmo. Anche qui le differenze tra i vari indirizzi emergono in maniera netta, ma con alcune sorprese: nonostante i dati sui "disorientati" che abbiamo appena visto, gli studenti degli Istituti tecnici sono i più convinti sull'utilità delle attività svolte (58,3%); numeri di tutto rispetto anche tra i ragazzi dei professionali (54,9% di soddisfatti); mentre il livello di apprezzamento scende drasticamente tra i liceali (47,3%). Il Rapporto AlmaDiploma mostra comunque come, indipendentemente dal tipo diploma conseguito, la quota di soddisfazione sia più alta tra i ragazzi che scelgono di indirizzarsi verso il mondo del lavoro (60,0%) e scenda di più di 10 punti - al 49,8% - tra coloro che vogliono proseguire gli studi.

La famiglia decisiva per le scelte dei ragazzi
Ma l'orientamento svolto a scuola non può che influire solo in parte sulle decisioni degli studenti. Come conferma l'indagine, la famiglia e il contesto di provenienza giocano un ruolo importantissimo. Lo testimonia il fatto che la quota di diplomati con genitori in possesso di titoli di laurea è massima fra chi ha frequentato i licei classici (62,0%) e scientifici (43,9%), mentre si riduce negli istituti tecnici (16,9% tecnico tecnologico e 14,8% tecnico economico) e nei professionali (dall’11% del professionale per i servizi all’8,9% del professionale per l’industria e l’artigianato). Allo stesso tempo, tra gli indirizzi liceali classici e scientifici c'è una forte presenza di studenti di estrazione sociale elevata (rispettivamente 49,3% e 35,5%) e una parallela carenza di figli delle classi meno abbienti (9,6% per i primi e 13,8% per i secondi). Sono i ragazzi stessi, poi, a dichiarare che il 61,3% dei diplomati considera "rilevante" il parere dei genitori sulle proprie scelte: in particolare questo succede se mamma e papà sono in possesso di una laurea e quando ricoprono posizioni professionali di alto livello.

I voti dati alla scuola: promossi professori e compagni
Nonostante le difficoltà, il bilancio degli anni delle superiori - sentendo i diplomati intervistati – non è però così fallimentare come si potrebbe pensare. Tante le opinioni favorevoli, ad esempio, nei confronti degli insegnanti, apprezzati in particolare per la loro competenza (78,5% di soddisfatti), un po' meno per le loro capacità di valutazione (62,8%). Ma il lato migliore delle superiori è rappresentato dai compagni di classe, vissuti al meglio dalla stragrande maggioranza (87,7%). A non piacere granché, invece, sono le infrastrutture e le aule (ritenute soddisfacenti solo dal 56,5% degli studenti), i laboratori (56,2%), gli impianti e le attrezzature sportive (54,9%).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali