FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ecco gli atenei e le lauree che fanno lavorare e guadagnare di più

Una laurea da guadagnare quasi 12mila euro in più lʼanno. La Bocconi e le facoltà scientifiche "garantiscono" un futuro

Ecco gli atenei e le lauree che fanno lavorare e guadagnare di più

L’osservatorio Job Pricing, in partnership con Spring Professional, ha elaborato un rapporto che analizza le prospettive di carriera offerte dagli atenei italiani, focalizzandosi sulle retribuzioni dei laureati. A riportarne i contenuti salienti è il sito Skuola.net. Si scopre, ad esempio, che a prescindere dalle differenze tra le varie università, prendere un titolo accademico conviene ancora. Perché, sul piano del reddito lordo annuo medio, i laureati superano di 11.900 euro i diplomati (39.730 euro contro 27.849). Proseguire gli studi resta, quindi, un investimento oculato.

I laureati più ricchi? Ex studenti della Bocconi
Nei primi dieci anni di carriera i laureati che guadagnano di più sono indubbiamente quelli della Bocconi, che mediamente percepiscono 35.500 euro lordi annui. Al secondo posto di questa speciale classifica ci sono quelli del Politecnico di Milano (32.905 euro) e al terzo quelli della LUISS (32.870 euro). La media nazionale è, invece, di 30.480 euro lordi annui.

Il podio, però, cambia dopo i 45 anni di età. Se in media i laureati ultra 45enni nel 2017 prendevano 49.427 lordi annui, da Bocconi (63.861 euro), Cattolica di Milano (61.040) e LUISS Guido Carli (58.892) arrivavano i dipendenti con in tasca degli stipendi migliori. Secondo il rapporto, quindi, chi ha studiato in una università privata, nella fase centrale della propria carriera ha mediamente un reddito annuo lordo di 45.553 euro. Questo significa che guadagna circa 6.500 euro all'anno in più rispetto alla media di quanti ne percepiscono i laureati delle università pubbliche (39.026 euro).

Facoltà e stipendi: vincono le scientifiche
Per quanto riguarda invece il tipo di studi, sono le facoltà scientifiche che consentono sia l’ingresso a livelli retributivi maggiori sia una crescita del salario più alta nel corso della propria carriera.
Nei primi dieci anni dall’ingresso nel mondo sono i biologi quelli che guadagnano di più (35.410 euro di media). Ma tra i 25 e i 54 anni sono le lauree in Ingegneria Chimica e in Chimica a offrire gli stipendi più alti.


Quelli che danno i guadagni più bassi, invece, sono i corsi di laurea che afferiscono all'area delle Scienze pedagogiche e psicologiche (25.242 euro).

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali