FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Italia, alcol prima causa di morte tra gli under 24: quasi 800mila i minori "bevitori"

I dati dellʼIstituto Superiore di Sanità rivelano che a consumare bevande alcoliche sono in media un ragazzo su 5 e una ragazza su sei

Italia, alcol prima causa di morte tra gli under 24: quasi 800mila i minori "bevitori"

Nel 2014 sono stati oltre 775mila i giovani tra gli undici e i diciassette anni che hanno consumato bevande alcoliche, con il 3,3% dei minori maschi e il 2,2% delle femmine che beve per ubriacarsi. A rivelarlo è il Centro nazionale di epidemiologia dell'Istituto Superiore di Sanità, secondo il quale l'alcol alla guida rappresenta la prima causa di disabilità e mortalità prematura diretta o indiretta per tutti i giovani fino a 24 anni di età in Italia.

Italia, alcol prima causa di morte tra gli under 24: quasi 800mila i minori "bevitori"

Dati preoccupanti - I numeri allarmanti del bere tra i giovani sono stati resi noti durante la presentazione della nuova campagna del ministero della Salute "Alcol Snaturato". Tra i maschi prevale il consumo di birra, mentre le ragazze preferiscono gli aperitivi alcolici. I dati hanno evidenziato la responsabilità della famiglia nel consumo: il 22,8% dei ragazzi che vivono in famiglie dove c'è almeno un genitore che eccede le raccomandazioni nell'uso dell'alcol ha abitudini alcoliche non moderate, mentre la quota scende al 18,7% se il consumo in casa rientra nella "normalità".

Minori bevitori - L'analisi dei comportamenti a rischio - rivelano i numeri dell'Iss - mostra che il 10,5% dei ragazzi e il 7,9% delle ragazze minorenni hanno consumato bevande alcoliche lontano dai pasti nel 2014, e il 2,7% dei ragazzi (tra i maschi il 3,3%, tra le femmine il 2,2%) hanno praticato il cosiddetto "binge drinking". Con il risultato che il 17% di tutte le intossicazioni alcoliche che arrivano al pronto soccorso riguarda ragazzi e ragazze sotto i 14 anni.

Il fenomeno del "binge drinking": l'allarme dell'Ocse - I giovani italiani cominciano a bere sempre più presto, si ubriacano di più e vedono l'alcool come un elemento cruciale per la socializzazione. È il preoccupante quadro tracciato dall'Ocse, in un rapporto su consumo di alcolici e impatto su società ed economia. Nel nostro Paese, mostrano i dati dell'organizzazione parigina, è sempre più diffuso il fenomeno del "binge drinking", il bere grandi quantità di alcool in breve tempo con lo scopo "di ubriacarsi in fretta, perdere il controllo e divertirsi", soprattutto nella fascia d'età tra i 18 e i 24 anni.

Italia più "virtuosa" nell'Ue - Nonostante lo scenario allarmante dipinto da Iss e Ocse, in Italia il consumo di alcool resta basso rispetto a quello registrato dagli altri Paesi occidentali: 6,1 litri pro capite all'anno, in media, la cifra più bassa fra i Paesi Ue. Ben al di sotto di Francia (12 litri), Germania (11) e Spagna (9,8), e con un calo di oltre il 40% rispetto all'inizio degli anni Novanta. La composizione di questo consumo è inoltre fortemente sbilanciata a favore degli alcolici meno forti, con il vino che rappresenta quasi i due terzi del totale, seguito a distanza da birra e superalcolici. Un mix, secondo l'Ocse, "di minimo rischio" per la salute pubblica complessiva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali