FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Vaccino anti-Covid funziona sulle cellule umane", è stato messo a punto in Italia | Ma lo Spallanzani frena: "Presto per trarre conclusioni sull'efficacia"

LʼIstituto romano dove sono stati eseguiti i test precisa che "sulla base dei dati sinora disponibili" non è "possibile giungere a conclusioni"

Per la prima volta al mondo un candidato vaccino contro il nuovo coronavirus ha neutralizzato il virus nelle cellule umane. Lo ha detto Luigi Aurisicchio, amministratore delegato della Takis di Pomezia che ha messo a punto il vaccino italiano. Ma lo Spallanzani, dove è stato eseguito il test, frena e spiega che "non è ancora possibile giungere a conclusioni di qualunque natura sull'efficacia" del candidato vaccino.

Secondo quanto riferito dall'azienda, il test fatto allo Spallanzani è stato possibile grazie all'esperienza dell'istituto che, dopo avere isolato il virus, ha impostato un metodo per verificare l'efficacia di vaccini e molecole direttamente sul virus. "Per quanto ne sappiamo, siamo i primi al mondo ad aver dimostrato la neutralizzazione del coronavirus da parte di un vaccino. Ci aspettiamo che questo accada anche nell'uomo", ha detto ancora Aurisicchio.

 

Parole che però non trovano la conferma dell'Istituto romano. In una nota lo Spallanzani rileva che il comunicato della Takis "non è stato concordato con l'Inmi né da esso autorizzato" e di avere "partecipato ad una proposta di ricerca presentata da Takis nell'ambito di un bando 'urgente' lanciato alla Comunità Europea, che non è stata finanziata. In vista della possibile partecipazione ad ulteriori bandi, sono state effettuate prove preliminari e parziali sulla risposta in termini di anticorpi neutralizzanti in topi inoculati con formulazioni iniziali di potenziali vaccini".

 

Secondo l'istituto "i risultati di queste prove, tuttora in corso di valutazione, indicano che è possibile rilevare negli animali inoculati una risposta in termini di anticorpi neutralizzanti, il che è la premessa per lo sviluppo di un modello di studio basato sui consueti animali da esperimento". L'Istituto, prosegue la nota, "sta al momento completando queste valutazioni preliminari, per decidere sull'opportunità di continuare questi studi e formalizzare accordi specifici". In ogni caso, si rileva "l'Inmi non ha redatto alcun report ufficiale e non ha ancora distribuito in maniera formale i risultati degli esami effettuati" e "sulla base dei dati sinora disponibili l'Inmi, per quanto a propria conoscenza, ritiene che non sia possibile giungere a conclusioni sull'efficacia del potenziale candidato vaccinale".

 

Coronavirus, dal "paziente 1" di Codogno a oggi: i fatti principali e le immagini simbolo

Dai primi casi accertati in Italia alle misure straordinarie del governo. Le storie di coraggio e solidarietà che hanno unito gli italiani nella speranza di superare, il prima possibile e più forti di prima, questa vicenda. Sfoglia la gallery sull'emergenza coronavirus nel nostro Paese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali