FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gianni Boncompagni avrebbe compiuto 89 anni: rivediamolo a "Non è la Rai" 

Eccolo mentre intervista per la prima volta Riccardo Rossi nelle vesti di Cenerentola

 

Avrebbe compiuto 89 anni Gianni Boncompagni, all'anagrafe Giandomenico Boncompagni, nato ad Arezzo il 13 maggio 1932. Difficile racchiudere in una categoria lo straordinario talento di un uomo che, da conduttore radiofonico, è diventato un autore e regista televisivo di grandissimo successo.

 

 

Dopo aver vinto il concorso in Rai nel 1964, e aver iniziato a lavorare con Renzo Arbore a programmi cult come “Bandiera Gialla” e “Alto gradimento”, diede vita negli anni Novanta a un vero fenomeno televisivo: "Non è la Rai": un programma che, all'epoca, fece molto parlare e che andò in onda fino al 1995 a causa degli scandali legati alla conduzione dalla ancora minorenne Ambra Angiolini.

 

Nella stagione 1997/1998 fece ritorno in Rai con "Macao", con Alba Parietti. Sempre nel 1998 realizzò per Raidue il programma di prima serata “Crociera”, condotto da Nancy Brilli. Nel 2008-2009 è tornato a lavorare come autore per Raffaella Carrà nella nuova edizione di "Carràmba che fortuna".

 

Nel giorno in cui avrebbe compiuto 89 anni, ricordiamo Gianni Boncompagni, rivedendolo  mentre intervista per la prima volta Riccardo Rossi nelle vesti di Cenerentola.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali