FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Matrimoni, Draghi: 17 maggio cabina di regia ma serve pazienza | Incidenti sul lavoro, "dobbiamo fare di più"

Alle coppie in procinto di sposarsi: "Evitare che un'occasione di gioia possa essere un rischio". Dossier turismo, "favorire l'ingresso a chi è vaccinato senza quarantena"

"Lunedì 17 maggio si terrà la cabina di regia per il settore delle cerimonie". Lo ha annunciato il premier Mario Draghi durante il "question time" alla Camera. Sui matrimoni "capisco le coppie, ma serve ancora un po' di pazienza", ha sottolineato il premier.

"Capisco la loro preoccupazione - ha ricordato Draghi riferendosi a chi ha in programma il matrimonio - il festeggiamento di una circostanza così importante è un desiderio che abbiamo avuto tutti. E' fondamentale però avere ancora un po' di pazienza, per evitare che quella che deve essere un`occasione di gioia e spensieratezza si trasformi in un potenziale rischio per i partecipanti".

 

"Cordoglio per Luana e altri cinque morti sul lavoro" Il premier ha poi voluto ricordare le ultime morti sul lavoro. "Vorrei esprimere il cordoglio mio e del governo per la morte della giovane Luana D'Orazio e degli altri cinque, ben cinque, lavoratori deceduti nell'ultima settimana". Le sue parole hanno ricevuto un lungo applauso dell'Aula.
 

 

"Nuove assunzioni per l'ispettorato" Sulla sicurezza sui posti di lavoro "è prevista una strategia di azione nazionale per rafforzare i controlli. Sono già avviate le procedure di assunzione di 1.084 unità di  personale nel corpo dell'ispettorato del lavoro e, a legislazione vigente, è prevista la possibilità di assumere altre mille persone a fronte delle 4.500 attualmente in servizio". "Con una media di tre morti al giorno l'Italia si conferma al di sopra della media europea", ha aggiunto Draghi.

 

 

 

Migranti, "impegno per redistribuzione efficace in Ue" Draghi ha poi affrontato l'emergenza migranti. "Il governo italiano è impegnato a esercitare una pressione intra-europea affinché si torni ad una redistribuzione efficace dei migranti", ha spiegato il premier. 

 

"Nessuno lasciato solo in acque italiane" "A fronte di questa complessa e drammatica realtà politica, sull'immigrazione il governo vuole seguire una politica equilibrata efficace e umana, nessuno sarà lasciato solo in acque territoriali italiane, il rispetto dei diritti umani è una componente fondamentale nella politica migratoria. Ora è prioritario il contenimento della pressione migratoria nei mesi estivi con una collaborazione più intensa da Libia e Tunisia nel controllo delle frontiere".
 

"Regole Patto stabilità erano e sono inadeguate" "Voglio essere molto chiaro. E' fuori discussione che le regole sul Patto di stabilità dovranno cambiare, ma questo dibattito non è ancora partito", ha dichiarato Draghi. "La mia linea è che le attuali regole sono inadeguate, lo erano e lo sono di più per la uscita dalla pandemia. Dovremo concentrarsi su un forte slancio della crescita per assicurare la sostenibilità dei conti pubblici".

 

 

"Riaprire al più presto l'Italia al turismo" Capitolo turismo. Il premier ha spiegato che "l'obiettivo è riaprire al più presto l'Italia al turismo, nostro e straniero". In particolare, "per quanto riguarda i Paesi del G7, in particolare Usa, Giappone e Canada saranno favoriti gli ingressi senza quarantena in caso di certificazione vaccinale".

 

 

Vaccini, "accelerare sblocco export" Draghi ha affrontato anche il tema vaccini. "Prima di arrivare ad una liberalizzazione dei brevetti è meglio rimuovere il blocco dell'export che Usa e Gb tengono, aumentare la produzione e individuare nuovi siti anche nei Paesi poveri. Bisogna accelerare il passo sullo sblocco dell'export accanto alla riflessione sulla liberalizzazione dei brevetti".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali