FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Toninelli e la gaffe sul tunnel del Brennero: sui social scoppia lʼironia

Il ministro delle Infrastrutture ha dichiarato che il tunnel del Brennero esiste e viene già "utilizzato da molti imprenditori". Ma in realtà non è ancora stato ultimato

E' partita, inarrestabile, l'ironia social media. Il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, dalla tarda mattinata è diventato il primo "trending topic" in Italia su Twitter. Il motivo? Le sue dichiarazioni sul "tunnel del Brennero", che secondo lui già esisterebbe e sarebbe già "utilizzato da molti imprenditori". In realtà l'infrastruttura in questione non è ancora stata ultimata. A settembre 2018 dei totali 230 chilometri da scavare (compresi quelli di emergenza), 88 sono stati scavati e 119 sono stati appaltati". Quindi di fatto il tunnel ancora non c'è.

Toninelli e la gaffe sul tunnel del Brennero: sul web scoppia lʼironia

Una gaffe pari (quasi) a quella che travolse l'ex ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, che evocò l'ormai leggendario nonchè fantascientifico "tunnel tra il Cern e il Gran Sasso". Tra i tanti tweet sulla vicenda, basta quello di un noto personaggio social, ovvero @VujaBoskov, intelligente parodia del mitico allenatore: "Grande giocatore vede autostrade dove altri vede solo sentiero, piccolo ministro vede tunnel dove altri vede solo montagna".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali