FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Taglio stipendi parlamentari, la Camera rinvia il testo M5s in commissione. Grillo e Di Battista: "Vergogna Pd"

Il leader del M5s tra ironia e rabbia, il parlamentare: "Sono indignato, il Partito democratico è il partito più ipocrita e pericoloso dellʼUe"

L’Aula della Camera, con 109 voti di scarto, ha approvato la richiesta di rinvio in commissione della proposta di legge del M5s sul dimezzamento degli stipendi dei parlamentari. Voto contrario del Movimento Cinque Stelle, ma anche di Sinistra Italiana, Fdi e Forza Italia. A favore del rinvio ha votato la maggioranza col Pd compatto, contrarie tutte le opposizioni, ad eccezione dei Conservatori e riformisti (astenuti). Grillo: "Vergogna".

Grillo alla Camera dei deputati: tifo per il dimezzamento degli stipendi

Torna in commissione alla Camera il ddl sul trattamento economico e previdenziale dei membri del Parlamento. Per l'occasione il leader M5S è arrivato a Montecitorio, per assistere ai lavori

leggi tutto

Beppe Grillo: "Il Pd ha affossato la legge" - Immediatamente dopo il "non-voto", Beppe Grillo ha commentato duramente quanto accaduto alla Camera, dove era presente (in tribuna) insieme ad altri sostenitori del Movimento Cinque Stelle: "Renzi e il PD hanno votato per affossare la nostra proposta di dimezzamento degli stipendi dei parlamentari! Gli stipendi dei parlamentari italiani rimangono quelli più alti d'Europa".

Alessandro Di Battista: "Sono indignato, il Pd è pericoloso" - "Quella di oggi è la dimostrazione plastica di quello che sono questi politici: sono indignato! Spero che a dicembre metteremo fine a questo disgusto". Lo dice il deputato M5s Alessandro Di Battista in piazza a Montecitorio con un drappello di parlamentari, dopo il rinvio in commissione del ddl Lombardi votato dall'aula della Camera. "Siamo Davide contro Golia ma non molleremo di un centimetro! Viva la Repubblica viva la sovranità popolare", ha aggiunto Battista. Infine: "Oggi l'Italia intera si è resa conto che coloro che vanno in tv dicendo che occorre cambiare la Costituzione per tagliare i costi e per velocizzare il processo di approvazione delle leggi, sono gli stessi che hanno appena evitato addirittura di votare la legge per il dimezzamento degli stipendi dei parlamentari. Neppure hanno avuto il coraggio di votare. È sotto gli occhi di tutti la loro ipocrisia, la loro meschinità, la loro mediocrità etica e morale. Per valutare invece le loro qualità politiche è sufficiente vedere come sta l'Italia. Io a novembre girerò il Paese in lungo e in largo. Venite con noi".

Di Maio: Renzi in tv propone taglio stipendi, in aula latita - "Ci aspettavamo un emendamento del governo sulla retribuzione in base alle presenze e alle assenze, invece c'è stato un rinvio in Commissione con argomenti da arrampicatori di specchi. Renzi in televisione propone emendamenti, poi in Parlamento è latitante". Luigi Di Maio commenta così il rinvio in commissione del ddl".

Montecitorio: "Non siamo tra Paesi Ue più generosi coi parlamentari" - L'Italia non guida la classifica Ue degli stipendi dei parlamentari. Lo precisa una nota di Montecitorio. "In riferimento ad articoli pubblicati in questi giorni dalla stampa e da giornali online, si evidenzia innanzitutto che i dati inizialmente pubblicati (e poi corretti) non corrispondevano a quelli riportati dal sito della Camera, aggiornati per effetto delle decisioni assunte dall'Ufficio di presidenza nell'ultimo decennio". Da una tabella, al primo posto per indennità (escluse altre voci) è l'Europarlamento. L'Italia è quinta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali