FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Berlusconi: "Immigrati vivono di espedienti e reati, in 600mila non hanno diritto di restare"

"La sicurezza è un nostro punto di programma, riprenderemo il controllo delle città"

L'immigrazione "è una questione urgentissima. Oggi in Italia si contano 650mila migranti di cui solo il 5% ha diritto a restare perché rifugiati. Gli altri rappresentano una bomba sociale pronta a esplodere, vivono di espedienti e di reati". Lo dice il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi intervistato al Tg5: "Almeno 600mila migranti non hanno il diritto di restare in Italia".

"Esiste un problema sicurezza nelle città e noi consideriamo una priorità assoluta riprendere il controllo della situazione", ha aggiunto Berlusconi. "Quando saremo al governo - ha detto - investiremo molte risorse per garantire la sicurezza degli italiani. Tra le altre misure rilanceremo l'istituto del poliziotto e del carabiniere di quartiere e riprenderemo l'operazione strade sicure con tutti i nostri soldati nelle città".

"Con noi al governo nel 2011 - ha detto ancora Silvio Berlusconi - arrivarono 4.400 immigrati; con i quattro governi della sinistra sono arrivati nel 2013 170.000 immigrati, nel 2014 150.000, nel 2016 181.000 e nel 2017 119.000 Il risultato è che oggi abbiamo almeno 630.000 immigrati, di cui solo 30.000 hanno il diritto di restare perché rifugiati. Altri 600mila sono bomba sociale pronta a esplodere, perché pronti a compiere reati".

Berlusconi ha poi indicato la sua ricetta in tre punti: premere sull'Europa affinché faccia accordi con i Paesi del Nord Africa per fermare le partenze; fare accordi con i Paesi di origine perché riprendano gli immigrati irregolari; un "grande piano Marshall" per i paesi africani coinvolgendo anche Usa, Russia, Ciad e Paesi del Golfo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali