FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Se il no al referendum compatta la sinistra

Dai "rottamati" Bersani e DʼAlema ai comunisti di Ferrero sta nascendo una singolare squadra della "cosmopolitica"

Se il no al referendum compatta la sinistra

Nel giorno in cui lo strappo nel Partito Democratico sul referendum costituzionale viene pratciamente ufficializzato, non possono non tornare alla mente le parole "profetiche" del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi che solo qualche mese fa tuonava: "La sinistra che vota no è come Casapound". Ebbene, vuoi per una beffa del destino, vuoi per una reazione a una provocazione, vuoi per un incastro di causa-effetto, ma proprio quella sinistra ha deciso di uscire allo scoperto e, ad oggi, si trova "magicamente" compatta. Sta nascendo una singolare squadra della "cosmopolitica" che, di giorno in giorno, aggrega le sigle più disparate. E così trovi nella stessa barca i comunisti di Ferrero, i "possibilisti" di Civati, i nostalgici di Tzipras.

E ancora: compatta, come poche volte, c'è Sinistra italiana-Sel nel "no" al referendum. Ex democratici illustri come Sergio Cofferati, l’europarlamentare che ha rotto con il Pd dopo le primarie in Liguria, o Alfredo D'Attorre non hanno esitato a esprimere la loro contrarietà alla riforma proposta dal governo. Ma non ci sono solo i "transfughi" del Pd. I rottamati da Renzi,si tolgono qualche sassolino dalle scarpe: Massimo D'Alema, Pierluigi Bersani e il suo fedelissimo Miguel Gotor dicono no.

Senza contare il fronte della minoranza Dem, con Roberto Speranza in testa. E poi c'è l'ex sindaco di Roma, Roberto Marino, che non vedeva l'ora di dire "no" a Renzi. Un voto che mette d'accordo anche i due ex magistrati Luigi De Magistris (sindaco di Napoli) e Michele Emiliano (governatore della Puglia). Stefano Rodotà, giurista, accademico ed esponente della sinistra italiana ha parlato di "riforma imbarazzante per pochezza di contenuti e linguaggio". E, dulcis in fundo, come non ricordare che il presidente nazionale dell'Anpi Carlo Smuraglia si è schierato contro. Un nome che, a proposito di quel "nesso" tra il no e Casapound di cui sopra, chiude decisamente il cerchio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali