FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola, Azzolina: "Gli insegnanti non vanno reclutati dalle Regioni"

La ministra ha replicato, dai microfoni di Radio 1, alla richiesta di alcune regioni di reclutare professori su base territoriale

Lucia Azzolina

"Le scuole sono già dotate di autonomia. Diversa è la questione del reclutamento: io non penso che gi insegnanti debbano essere reclutati dalle Regioni: sono dipendenti dello Stato e vanno reclutati a livello nazionale". E' quanto ha detto il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, che aggiunge: "Nel decreto scuola abbiamo pensato a una norma che dà ragione della continuità didattica. E' stato previsto che bisogna restare in quel posto almeno 5 anni". 

La ministra ha aggiunto: "Le scuole sono già dotate di autonomia. Diversa è la questione del reclutamento: io non penso che gli insegnanti debbano essere reclutati dalle Regioni; sono dipendenti dello Stato e devono essere perciò reclutati a livello nazionale. Prevedendo poi che un insegnante debba rimanere cinque anni nella posto dove ha vinto il concorso, abbiamo dato una risposta a quelle Regioni che vivono delle emergenze". 

 

La Azzolina ha concluso dicendo: "Quota 100 ha liberato dei posti e sto lavorando perché i 9000 posti che non erano stati dati di ruolo possano essere dati subito. Il ministero dell'Istruzione ha vissuto di emergenze. Non è mai stata fatta una degna programmazione di quanti andavano in pensione, su quali classi di concorso, nè  dove. Solo facendola si possono programmare concorsi biennali. Non e' normale avere 1 precario su 5", 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali