FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Salvini difende Fontana: "Chi attacca la Lombardia senza motivi, attacca l'Italia"

Il Leader della Lega a "Quarta Repubblica": "Se aveva qualcosa da nascondere non avrebbe fatto bonifici"

 

Matteo Salvini non ha dubbi sull'innocenza di Attilio Fontana e a "Quarta Repubblica" è tornato sul caso camici che sta investendo il governatore della Lombardia.

 

"È una vergogna che qualcuno infami, diffami e sparga fango su Regione Lombardia, perché chi la attacca senza motivi, attacca l'Italia", esordisce il Leader della Lega nella trasmissione di Nicola Porro in onda lunedì 27 luglio su Rete 4.

 

"La Lombardia è un modello di efficenza nel mondo, da tanti punti di vista - prosegue - Il governatore Fontana è un uomo onesto e pulito e non ha problemi economici. Ed è indagato perché un'azienda ha donato migliaia di camici agli ospedali Lombardi".

 

Durante il suo discorso non manca il paragone con la situazione nel Lazio: "A Roma sono spariti 14 milioni di euro e le mascherine non sono mai arrivate, ma siccome è il governatore del Pd... niente. In Lombardia Fontana ha avuto il torto di veder donati camici agli ospedali e viene indagato".

 

Infine le rassicurazioni sul futuro dello stesso Fontana: "Non si dimetterà perché ha le spalle larghe ed è nel giusto, ha agito correttamente. Se aveva qualcosa da nascondere non avrebbe fatto bonifici".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali