FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rottura nel Pd dopo le parole di Di Maio, Martina: "Resta lʼambiguità politica"

Il candidato premier M5s: "Le dichiarazioni di Martina sono comunque un passo avanti, Salvini non ha il 51%"

Il Pd si spacca sull'invito al dialogo dal capo politico del M5s, Luigi Di Maio. "L'autocritica nei toni è apprezzabile, resta evidente l'ambiguità politica", ha detto il reggente Maurizio Martina. Parole che non sono piaciute al ministro Dario Franceschini: "Serve riflettere e tenere comunque unito il Pd nella risposta. L'opposto di quanto sta accadendo: rispondiamo affrettatamente e ci dividiamo tra noi".

"Noi continuiamo a pensare che la differenza la fanno i contenuti. Da questo punto di vista non vedo novità. Il tempo dell'ambiguità è finito", ha spiegato Martina. "Fermiamoci e ricominciamo", è invece l'invito di Franceschini, che definisce l'intervista di Di Maio come una "novità politica".

Orfini: "Dal M5s appello strumentale" - Sulla questione è intervenuto anche il presidente del Pd, Matteo Orfini. "Siamo alternativi al M5s per cultura politica, programmi e visione sul futuro del Paese - ha scritto su Twitter -. Non sarà certo un appello strumentale a cancellare tutto questo. Parleremo con chi riceverà l'incarico e daremo il nostro contributo da forza di minoranza parlamentare".

Di Maio: "Parole Martina sono passo avanti, Salvini non ha il 51%" - Non si è fatta attendere la risposta di Di Maio che ha commentato le parole di Martina, in replica a sua volta alla richiesta M5s di dialogo. "Registro come un passo avanti la dichiarazione di Martina. Matteo Salvini - ha aggiunto Di Maio - sappia che al Quirinale o ci vai con il 17% o con il 37%, in ogni caso non hai il 51% e quindi la maggioranza".

Renzi: "Politica ferma al chiacchiericcio" - Sul post elezioni, sabato mattina era già intervenuto l'ex segretario Matteo Renzi, secondo cui "la politica italiana da un mese è ferma al chiacchiericcio, agli accordi, ai retroscena inventati". "Noi - ha spiegato - lo avevamo detto: se non passa il referendum, torneremo agli accordi vecchio stile. E purtroppo è andata così. Parleremo di questo il 21 aprile, all'Assemblea del Pd". In una nota Renzi ha poi smentito ogni tipo di trattativa del Pd con l'M5s per formare un governo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali