FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Romano Prodi in campo per Zingaretti: "Può essere il padre che serve al Pd"

Lʼex premier sostiene che oggi il Partito democratico è l`unica alternativa possibile ma serve unʼaffluenza alta ai gazebo del 3 marzo

Romano Prodi in campo per Zingaretti: "Può essere il padre che serve al Pd"

Le primarie del 3 marzo che individueranno il nuovo leader del Pd, il tema della leadership e del rinnovamento all'interno del partito, il lavoro di opposizione al governo giallo verde: sono tanti i temi affrontati da Romano Prodi in un'ampia intervista al quotidiano "Repubblica". "Italia e il Pd hanno bisogno di un padre - afferma il professore - Per il Partito democratico c`è bisogno di una figura autorevole, che sappia finalmente ascoltare, riconciliare, tranquillizzare ma anche decidere". E tale figura potrebbe essere a suo avviso quella del governatore del Lazio: "Se intensifica il lavoro di allargamento e di pacificazione che ha iniziato", le possibilità di Nicola Zingaretti "sono molte".

"Questa maggioranza ha dovuto intanto prendere atto che chiedere l`uscita dall`euro e dall`Unione europea sarebbe un suicidio, anche se non perde occasione per sparare sulla Francia, sulla Germania e persino sull`Olanda, per soffiare sul fuoco del nazionalismo come ha fatto su quello del razzismo e della xenofobia. Vogliono un`Europa debole e divisa perché vogliono una società debole anche in Italia. Si tratta di forze che praticano una politica autoritaria e verticale, dall`alto verso il basso, ignorando i corpi intermedi e la società civile, che siano i sindacati, gli enti locali, le imprese o la stampa. Persino il Parlamento è stato svuotato della sua funzione, violando nei fatti il dettato costituzionale. Certo, quello dell`autoritarismo è un vento che soffia su tutto il mondo. Ma la complessità e la ricchezza del tessuto democratico sono gli elementi costitutivi dell`Europa e della nostra libertà. Anche per questo dobbiamo difenderla", afferma l'ex presidente della Commissione europea, che ricorda di aver "lanciato l`idea che il 21 marzo in tutte le case si esponga la bandiera europea accanto a quella italiana. L`Unione europea è indispensabile per il nostro benessere e per il nostro futuro di cittadini liberi. Dobbiamo capirlo e dobbiamo dirlo con forza".

Del resto, spiega l'economista, "usciamo da anni in cui sia il partito, sia il Paese, si sono estenuati in diatribe continue, rancori, isterismi, proclami ignoranti e liste di proscrizione", afferma l'ex presidente del Consiglio e padre fondatore del Partito democratico.

Alle primarie "l`affluenza ai gazebo avrà un`importanza enorme", secondo Prodi: "Il numero degli elettori dovrà essere così elevato da dimostrare che il Partito democratico si pone come un`alternativa credibile: oggi è l`unica alternativa possibile".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali