FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Riforme, ok ddl voto 18enni al Senato: il testo presto in Aula

È quanto prevede un emendamento alla riforma costituzionale votato allʼunanimità e approvato dalla commissione Affari Costituzionali del Senato

"Anche i 18enni potranno votare per il Senato e i 25enni potranno essere eletti senatori". E' quanto prevede l'emendamento alla riforma costituzionale approvato dalla commissione Affari costituzionali del Senato. "E' una riforma epocale - spiega il capogruppo Pd in commissione Dario Parrini -. Si supera il paradosso di un ramo del Parlamento con gli stessi poteri dell'altro ma non eletto a suffragio universale". Il provvedimento sarà presto in Aula.

L'emendamento che riguarda specificatamente l'età dell'elettorato passivo, e' stato presentato in aggiunta ad altri emendamenti simili, al vaglio della commissione. Il testo dovrà seguire ancora un lungo iter, ma si tratta di una svolta importante. Il provvedimento aveva già avuto il via libera di Montecitorio il 31 luglio scorso con 487 sì, cinque no e sette astenuti. Attualmente, per votare al Senato, occorre aver compiuto 25 anni mentre per essere candidati ed eventualmente eletti l’età minima richiesta è di 40 anni. Per essere elettore della Camera è invece sufficiente il raggiungimento della maggiore età, appunto 18 anni; per la candidatura è necessario aver compiuto 25 anni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali