FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Renzi stravince le primarie del Pd e si riprende la segreteria: "Un nuovo inizio"

Lʼex premier ottiene il 70%, Orlando il 19%, Emiliano fermo al 10%. Telefonata di Gentiloni a Renzi per congratularsi. A votare quasi due milioni: superate le aspettative, ma il calo sul 2013 è di un milione

"Oggi abbiamo fatto qualcosa di straordinariamente grande. La democrazia è la possibilità di scegliere e il primo grazie è per i volontari". Matteo Renzi vince nettamente le primarie del Pd e si riprende la segreteria del partito. "Grazie a chi lavora nel governo, a iniziare da Gentiloni: lavoreremo al vostro fianco con molta convinzione". "Il congresso - sottolinea poi Renzi - segna l'inizio di una pagina nuova, non è la rivincita".

Primarie Pd, Renzi si riprende il Nazareno: "Giornata straordinaria"

"Ha vinto tutto il Pd, ma soprattutto quello che non si è vergognato delle cose fatte in questi anni, della legge sul dopo di noi, delle unioni civili, della legge sul lavoro, perché se ci sono 700mila posti di lavoro in più non possiamo far finta di vergognarcene, il Jobs act è una delle cose più straordinariamente di sinistra fatte", spiega Renzi. Sulle larghe intese, invece, frena: "Noi vogliamo fare la grande coalizione con i cittadini non con dei presunti partiti che non rappresentano nemmeno se stessi".

"Tutti parlano di populismi - dice Renzi - ma l'alternativa non è nel salotto, nei tweet, ma nel popolo". Poi la questione Ue, nodo al centro della ripartenza: "A Bruxelles chiediamo un cambiamento vero". Al terzo piano del Nazareno, il leader, rilegittimato dalle primarie, festeggia su un palco circondato dai volontari e dai fedelissimi, a partire da Luca Lotti e Maria Elena Boschi. Ma ci sono anche Lorenzo Guerini, Maurizio Martina, Matteo Richetti, Matteo Orfini, Ettore Rosato, Dario Franceschini e Piero Fassino.

Pd, il popolo dem al voto per le primarie

Renzi prende il 70% dei voti -  Matteo Renzi ha ottenuto 1.283.389 voti, pari al 70,01% del totale, mentre a Orlando  sono andate 357.526 preferenze (il 19,50%) e a Emiliano 192.219 (il 10,49%). Sono questi i dati comunicati dall'Organizzazione del Pd a spoglio ultimato. I votanti sono stati in tutto 1.848.658, 15.524 le schede bianche o nulle. Secondo dati ancora ufficiosi, al Centrosud e sulle isole Renzi raccoglie il 66,3%, Orlando il 20,3% ed Emiliano il 18,4% come scrive Youtrend su Twitter. Nelle Regioni rosse Renzi sarebbe al 78,7%, Orlando al 17,1%, Emiliano al 3,8%. Al Nord, invece, Renzi 75,8%, Orlando 20,4%, Emiliano 3,8%. Secondo fonti renziane, la vittoria dell'ex premier sarà intorno al 73%.

Al voto quasi 2 milioni di persone - L'affluenza supera quota un milione e 800mila persone dunque, nettamente più alta delle previsioni, ma in calo rispetto al 2013 quando a votare furono in 3 milioni. Non sono mancati problemi ai seggi. Contestazioni e polemiche, in particolare, a Nardò, nelle leccese, dove il voto è stato sospeso per irregolarità, a Gela, in provincia di Caltanissetta, tutto annullato. A Minori, sulla costiera Amalfitana, il partito avrebbe messo a disposizione un fondo cassa per votare senza versare i due euro.

Lʼaffluenza alle primarie del Pd

Lo scontro con Grillo - Il dato relativo all'affluenza lascia tutti soddisfatti nel Pd. Così è "smentito chi aveva già fatto il funerale delle primarie", commenta il vicesegretario Lorenzo Guerini, ribattendo a Beppe Grillo che a voto in corso era andato all'attacco: "E' completamente insensata la polemica sulla 'democrazia dei clic' che sarebbe inferiore alla 'democrazia delle schede di carta', nasconde una visione antistorica, antitecnologica, orientata al passato piuttosto che al futuro".

La telefonata del premier Gentiloni - La prima reazione di Renzi alla vittoria arriva con la fotografia di un biglietto postata su Instagram. "Una responsabilità straordinaria! Grazie di cuore a questa comunità di donne e uomini che credono nell'Italia. Avanti, insieme", si legge. Poi la telefonata dal premier Paolo Gentiloni, che si congratula, e l'entusiasmo del ministro Dario Franceschini: "Grandissimo risultato per Matteo e per il Pd! Ora tutti insieme si può ripartire".

Emiliano: "Renzi custodisca i valori costitutivi del Pd" - In serata parlano anche i due sconfitti, il ministro Andrea Orlando e il governatore della Puglia, Michele Emiliano. "Dobbiamo pretendere dal nuovo segretario del Pd che sappia essere sempre il custode dei valori costitutivi del centrosinistra e del Pd - spiega Emiliano -. Noi vogliamo ricostruire il Pd che è in macerie dovunque, dal nord al centro. La responsabilità principale spetta al segretario, ma noi faremo quanto necessario per ricostruirlo assieme a lui. Anche facendogli opposizione, ma con lealtà, intelligenza e nel merito. Mai per principio".

Orlando: "Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra" - Orlando assicura che, "grazie a una battaglia che combatteremo con le idee, costruiremo un centrosinistra largo contro le destre. Ci batteremo ancora per questa prospettiva. Non è arrivato il momento di smobilitare. Molti, anche tra gli elettori di Matteo Renzi, condividono l'esigenza della costruzione di un nuovo centrosinistra".

Primarie Pd, al seggio a 3mila metri di quota vota il ministro Lotti

Persino a 3.000 metri di altitudine si può scegliere il segretario del Partito Democratico. Con gli sci ai piedi. Così nel comprensorio Pontedilegno-Tonale, in provincia di Brescia, è stato allestito un seggio per le primarie del Pd anche per gli sciatori

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali