FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Renzi: "Gli attacchi razzisti sono una emergenza, chi sta al governo non lo neghi" | Salvini: "Eʼ una sciocchezza"

Appendino: "Si individuino i responsabili" dallʼaggressione a Daisy Osakue". Il sindaco di Moncalieri: "Ti abbraccio, sei una di noi". I Dem: "Lʼesecutivo riferisca in Aula"

Renzi: "Gli attacchi razzisti sono una emergenza, chi sta al governo non lo neghi" | Salvini: "E' una sciocchezza"

"Daisy Osakue è una campionessa italiana. E' stata selvaggiamente picchiata da schifosi razzisti. Gli attacchi contro persone di diverso colore della pelle sono una emergenza. Ormai è un'evidenza, che nessuno può negare, specie se siede al governo. Italia, torniamo umani". Lo scrive su Twitter l'ex premier e senatore del Pd, Matteo Renzi, in relazione all'aggressione subita dall'atleta italiana.

Salvini: "Emergenza razzismo? Sciocchezze" - A rispondere all'ex premier è intervenuto Matteo Salvini che, condannando l'aggressione subita dall'atleta, specifica: "Emergenza razzismo in Italia? Non diciamo sciocchezze, ricordo che solo negli ultimi tre giorni, nel silenzio generale, la Polizia ha arrestato 95 immigrati, mentre altri 414 sono stati denunciati".

Appendino: "Individuare i responsabili" - Il sindaco di Torino Chiara Appendino si augura "che gli inquirenti individuino al più presto i responsabili e capiscano se dietro l'aggressione vi siano moventi che la renderebbero, se possibile, ancora più grave. Auguro a Daisy una pronta guarigione".

Il sindaco di Moncalieri: "Sei una di noi" - Anche il primo cittadino di Moncalieri, Paolo Montagna, esprime la sua solidarietà all'atleta, dicendo: "Sei una di noi e ogni giorno ci rendi orgogliosi per la ragazza che sei e per quello che fai. Insieme isoleremo i colpevoli, chi minimizza o chi li giustifica. Questa città ha sempre rifiutato la violenza, il razzismo e gli episodi di intolleranza".

M5s: "Atto indegno, ferma condanna" - "L'aggressione dell'atleta azzurra Daisy Osakue è un atto indegno che condanniamo con fermezza, chi lo ha compiuto deve provare vergogna di fronte a tutto il nostro Paese. L'Italia rifiuta, si indigna e punisce questi gesti inqualificabili. Vogliamo che questa persona, che ha lanciato un uovo contro una donna per strada, venga individuata e punita quanto prima. Gli inquirenti ci diranno qual è il movente, ma in ogni caso un fatto del genere non deve succedere. Mai. Alla nostra campionessa Daisy tutta la solidarietà e la vicinanza del M5s". Lo affermano in una nota i capigruppo del Movimento 5 Stelle al Senato e alla Camera, Stefano Patuanelli e Francesco D'Uva.

Delrio-Fiano: "Governo riferisca in Parlamento" - "La vile aggressione a Daisy Osakue è grave e inaccettabile. Se confermata dalle indagini, si tratterà solo dell`ultimo di una serie di episodi di stampo razzista che si stanno verificando nel nostro Paese in modo preoccupante, a cui si sono aggiunti altri fatti, altrettanto gravi, di cittadini che pensano di ergersi a giudici e poliziotti trasformando l'Italia in una sorta di far west. Nel manifestare la solidarietà e la vicinanza della nostra comunità a tutte le vittime di queste aggressioni, e nell'attesa come sempre che sia la magistratura a chiarire ogni aspetto, chiediamo che il governo venga urgentemente in Aula a riferire". Lo affermano il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, e il responsabile del dipartimento sicurezza del Pd,Emanuele Fiano.

Martina: "A settembre grande manifestazione contro il razzismo" - "Faccio appello perché tutte le realtà civiche, democratiche, associative si uniscano e rispondano a questo clima d'odio razzista, serve una grande mobilitazione, una manifestazione a settembre". E' l'annuncio del segretario Pd, Maurizio Martina. "La manifestazione - sottolinea - servirà per dire forte e chiaro che l'Italia non cede al ricatto di questa clima di razzismo e odio ma reagisce. Guai a noi se non vedessimo il rischio che stiamo correndo".

Più Europa: "Salvini legittima il razzismo" - "Daisy Osakue, 22 anni, nazionale italiana di atletica leggera di origine nigeriana, è stata aggredita stanotte a Moncalieri. E' il negazionismo del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a legittimare e giustificare politicamente questi atti di razzismo ormai quotidiani. Un razzismo che ovviamente non fa distinzione tra regolari e irregolari, tra cittadini italiani e stranieri. Un razzismo che ormai si manifesta sempre più spesso con le mani e con le armi e sempre meno solo con le parole". E' quanto si legge sulla pagina Facebook di Più Europa.

Casellati: "Ennesimo episodio vile, fare chiarezza" - "Sono vicina con affetto a Daisy Osakue, l'atleta della nazionale italiana di origine nigeriana, vittima di un'aggressione a Moncalieri. L'ennesimo episodio vile, che denota anche inciviltà e ignoranza. Sono certa che le forze dell'ordine sapranno presto individuare gli autori e fare piena chiarezza su ogni aspetto della vicenda. La violenza va sempre condannata, a maggior ragione quando potrebbe avere odiose motivazioni razziali. Auguro a Daisy, primatista italiana under 23 del lancio del disco, che onora il nostro Paese negli scenari internazionali, di ristabilirsi prontamente e di dimenticare presto questa brutta esperienza". Così in una nota la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali