FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Precari e giustizia, taglio dei parlamentari ed ex Ilva: i decreti e le riforme a rischio stop con la crisi

La situazione complicata rischia di far naufragare una serie di misure ancora da confermare o approvate "salvo intese", dai sostegni ad alcune aziende alla regolarizzazione dei 54mila della scuola

Precari e giustizia, taglio dei parlamentari ed ex Ilva: i decreti e le riforme a rischio stop con la crisi

Con la crisi di governo in atto ci sono molti decreti che rischiano di saltare. Tra gli altri quello sull'Ilva, quello su rider e precari e quello sulla scuola. Tutti varati da Palazzo Chigi "salvo intese". Ma in bilico ci sono anche la riforma della giustizia, il salario minimo e il taglio dei parlamentari.

Si comincia dal nuovo "scudo penale" a rischio per il gestore dell'ex Ilva, scrive il "Sole 24 Ore", per passare dalle nuove tutele assicurative per i rider e alle misure contro le crisi aziendali. Si va avanti con le quote latte, per cui rischia di saltare la proroga del blocco delle multe, e si arriva fino alla scuola, per cui a questo punto c'è il serio rischio che salti la sanatoria prevista per i 54mila precari.

Riforma della giustizia, strada durissima - Per non parlare della giustizia: con la crisi i ddl della riforma della giustizia sono praticamente cancellati. Lo scontro era già emerso chiaro al momento dell'approvazione del disegno in Consiglio dei ministri il 31 luglio, quando l'ok era arrivato "salvo intese". La Lega considera la durata dei processi (il tetto stabilito a sei anni) troppo lunga. E poi ci sono il nodo della mancata separazione delle carriere e l'assenza della riforma sulle intercettazioni. Impossibile a questo punto arrivare a un'intesa sul tema.

Appare ormai fantascienza anche procedere con la riforma del golden power, messa in campo in vista del controllo degli investimenti del 5G di soggetti extra Ue, in primo luogo i cinesi.

Ex Ilva, si cerca l'intesa in extremis - Sembra che Palazzo Chigi stia cercando in extremis le intese sui decreti dell'ultimo Consiglio dei ministri: si parla delle misure sull'ex Ilva, su cui si rischia la chiusura dello stabilimento di Teramo nel caso in cui salti lo "scudo" penale per i nuovi gestori. A rischio anche l'ex Alcoa di Portovesne in Sardegna e in Sicilia la Blutec di Termini Imerese, come ancher la Whirlpool: si aspettavano conferme per gli aiuti con cui affrontare le emergenze. Arriveranno?

Salario minimo, nulla di fatto - Ci sono poi 243 atti parlamentari fermi tra aule e commissioni che a questo punto hanno serie possibilità di naufragare: tra le altre cose, parliamo di salario minimo, di acqua pubblica e di chiusure domenicali per i negozi. In bilico anche il taglio dei parlamentari, con il quarto voto calendarizzato alla Camera a settembre. Il M5s vorrebbe anticipare quell'appuntamento a prima del voto sulla sfiducia a Conte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali