FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pisapia lancia Campo progressista: "Renzi? Non è un nemico, ma via Ncd e Verdini"

Al Teatro Brancaccio di Roma lʼex sindaco di Milano presenta la sua nuova creatura politica: "LʼItalia ha bisogno di discontinuità"

Pisapia lancia Campo progressista: "Renzi? Non è un nemico, ma via Ncd e Verdini"

Giuliano Pisapia presenta a Roma la sua creatura politica, "Campo progressista", definendola un "lievito, quasi un embrione" del nuovo centrosinistra, che, spiega, se vuole tornare a vincere dovrà essere capace di tenere insieme "gentilezza e capacità di decidere". Pisapia, dal palco del teatro Brancaccio, prende le distanze nel "merito e nel metodo" dal Lingotto di Renzi, stando attento però a non chiudere il rapporto con l'ex premier.

Pisapia prende le distanze dal Pd, ma non chiude la porta - "Io non ho avversari, lavoro per conto mio ma il Pd - avverte l'ex sindaco di Milano - deve comprendere che non rappresenta più tutto il mondo del riformismo vero". Prova ne sarebbe, è il ragionamento, la platea che è in sala e che si alterna anche sul palco: un mondo che vuole parlare di diritti di cittadinanza, di lavoro, di ambiente, di politiche di genere, cambiando così l'agenda di governo. E a cui "vogliamo offrire - dice con chiarezza Pisapia - una casa per lavorare insieme".

I cittadini base per le "Officine delle idee" - Basta quindi con il refrain della rottamazione: "Io - dice infatti Pisapia a un pubblico che fra gli altri vede anche la presidente della Camera Laura Boldrini - mi metto a disposizione e oggi sono ancora più rinvigorito, più convinto ad andare avanti". L'iniziativa a Roma punta dunque a costruire "la prima casa nazionale del Campo aperto", che viene però affiancata da un progetto che ha l'ambizione di essere capillare sul territorio: nascono infatti le 'Officine per le idee', luoghi aperti a tutti, iscritti ai partiti tradizionali e semplici cittadini, dove "si vogliono generare idee", spiega il coordinatore di Campo Progressista Alessandro Capelli.

Chi pensa a circoli o sezioni va però fuori strada, assicurano: non si tratta infatti di formare classi dirigenti con progetti calati dall'alto ma di mettere insieme esperienze. Quindi si potrà dare vita a una nuova Officina anche a casa propria.

Pisapia: "All'Italia serve discontinuità" - D'altro canto, "una cosa bella - dice Pisapia parafrasando il nome delle iniziative di Campo progressista - non può avere un volto solo, una persona sola al comando. L'Italia ha di fronte sfide e problemi complessi e non è il leader che manca. Quello che serve è una netta e forte discontinuità rispetto a questi ultimi anni".

Parola invocata più volte anche fuori dal palco dagli ex Pd Roberto Speranza e Francesco La Forgia, che piace agli ex Sel come Ciccio Ferrara e Massimiliano Smeriglio ma anche a chi come il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha ancora la tessera Dem in tasca. Più che aver bisogno di un capo, secondo però Zingaretti, il Paese e la sinistra hanno bisogno di un leader che sia in grado di coniugare "pluralismo e unità".

Un identikit che porta dritto all'ex sindaco di Milano. Al Lingotto comunque non credano, è il messaggio, che basti l'autocritica: dobbiamo "comprendere - dice Pisapia - se chi si è accorto di aver sbagliato, sia ora capace di svoltare".

Pisapia al Pd: "O Verdini o noi" - Una svolta che parte anche dalle alleanze: Pisapia chiede che il giorno stesso delle primarie il Partito democratico dica con chiarezza se pensa di "continuare a poggiarsi al nuovo centrodestra e Verdini", scelta incompatibile con il nuovo centrosinistra, che guarda infatti allo "spirito di coalizione del primo Ulivo". Perchè 'Campo progressista' non è e non vuole diventare, rivendicano i protagonisti, l'ennesimo partitino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali