FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Raggi: "Limitare gli arrivi" e Grillo: "Chiudere i campi rom"

Il sindaco scrive al prefetto definendo "rischioso ipotizzare altre strutture di accoglienza". Renzi: "Le promesse di Virginia Raggi sui campi rom sono una presa in giro"

Contro l'emergenza migranti Virginia Raggi chiede al prefetto uno stop ai nuovi arrivi nella Capitale e Beppe Grillo annuncia la chiusura dei campi rom. Il sindaco di Roma e il leader M5s lanciano il loro programma per affrontare la situazione vista, dice il primo cittadino, "la forte presenza migratoria e il continuo flusso di stranieri". Questo ha scritto la Raggi a Paola Basilone chiedendo "una moratoria sui nuovi arrivi" nella Capitale.

Il sindaco: "Basta nuovi arrivi" - Nella sua lettera il primo cittadino scrive: "Trovo impossibile, oltre che rischioso, ipotizzare altre strutture di accoglienza, peraltro di rilevante impatto e consistenza numerica sul territorio comunale", sottolineando la necessità di considerare l'elevata "pressione migratoria cui è sottoposta Roma" nella decisione della dislocazione di nuove strutture di accoglienza.

"Per tali motivi e in considerazione degli elevati flussi di migranti non censiti, l'amministrazione auspica che le valutazioni sulle possibili devastanti conseguenze in termini di costi sociali e di protezione degli stessi beneficiari, evitando di gravare, ulteriormente, sul territorio comunale", si legge ancora nella lettera.

Grillo: "Vigilanza e censimento" - Sul suo blog Grillo annuncia così tutte le misure a corredo del piano migranti del sindaco: "Chiusura dei campi rom, censimento di tutte le aree abusive e le tendopoli. Chi si dichiara senza reddito e gira con auto di lusso è fuori. Chi chiede soldi in metropolitana, magari con minorenni al seguito, è fuori. In più sarà aumentata la vigilanza nelle metro contro i borseggiatori".

Renzi: "Raggi sui campi rom? Una presa in giro" - "Le promesse di Virginia Raggi sui campi rom sono una presa in giro". Lo ha detto Matteo Renzi. Il segretario Pd ha spiegato: "Penso siano le classiche dichiarazioni a presa in giro degli italiani. Io l'ho smontato un campo rom, da sindaco". Il leader Pd ha invitato a distinguere, perché ci sono rom che delinquono e rom che chiedono di mandare i figli a scuola". Poi ha aggiunto che quando serve lo sgombero "si fa, con fatica, con intervento, con iniziative... Io l'ho fatto". In generale "Grillo si sta accorgendo che la realtà è un po' più grande del blog, che le risposte agli italiani non si danno solo con le fake news e con i troll".

Migranti, i numeri del Viminale

Di Maio: "Bene Raggi, Europa si svegli" - "Sottoscrivo in pieno la lettera di Virginia Raggi al prefetto di Roma in cui chiede una moratoria sui nuovi arrivi di migranti nella Capitale. Ormai il Paese è una pentola a pressione. Non possiamo pensare di affrontare questo fenomeno nei nostri confini. O l'Europa si sveglia e comincia a redistribuire per quote in altri Paesi tutte queste persone o qui salta il coperchio". Così il vicepresidente della Camera ed esponente pentastellato Luigi Di Maio. "Non è possibile continuare a costruire centri di accoglienza nelle nostre città per far fare affari alle solite poche cooperative che fanno business sull'immigrazione", ha aggiunto.

La mappa dei rom e dei sinti in Italia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali