FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Migranti, Lamorgese: "Tripoli disponibile a rivedere memorandum"

Durissima la replica al ministro del parlamentare del Pd Matteo Orfini: parole imbarazzanti e ipocrite

luciana lamorgese
ansa

La Libia è "disponibile a rivedere il memorandum" siglato con l'Italia sul tema dell'immigrazione. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. Tra le modifiche che l'Italia chiederà c'è "il miglioramento dei centri di detenzione con l'obiettivo di una loro graduale chiusura per giungere a centri gestiti dalle agenzie dell'Onu".

"Le condizioni generali di insicurezza della Libia rischiano di facilitare l'attivita' dei trafficanti, anche con il rischio di infiltrazioni di jihadisti tra i migranti che arrivano sulle nostre coste"., ha aggiunto Lamorgese.

 

Orfini: parole Lamorgese imbarazzanti e ipocrite Immediata, e durissima, la risposta  su Twitter di Matteo Orfini, dirigente del Pd "Ho appena ascoltato alla Camera l'intervento della ministra Lamorgese sulla Libia. Un intervento imbarazzante e ipocrita. 'I lager sono centri di migranti. Il memorandum una cornice da difendere. I libici partner affidabili'. Davvero vogliamo continuare a far finta di non sapere?".

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali