FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, con il sì a Mario Draghi Salvini diventa "europeista": "Coinvolgiamo l'Ue"

Dopo la scelta "governista" il leader della Lega tace sui nuovi sbarchi in Sicilia per evitare polemiche con Pd e LeU su un tema caldo

"Sul tema immigrazione noi proporremo l'adozione della legislazione europea. A noi va bene che l'immigrazione in Italia sia trattata come è trattata in Francia, piuttosto che in Germania. Con le stesse regole". Così Matteo Salvini decide di accantonare le polemiche sui migranti, uno dei cavalli di battaglia della Lega. Il cambio di passo è evidente, lo dimostra anche il silenzio del "Capitano" sui nuovi sbarchi ad Augusta. 
 

La Ocean Viking, imbarcazione della Ong francese Sos Méditerranée, ha salvato 422 migranti al largo della Libia, tra cui 140 minori, ed è approdata nel porto siciliano dopo l’ok allo sbarco da parte delle autorità sanitarie. Tra le persone a bordo ci sono anche 8 positivi al Covid. Una notizia che in altri tempi sarebbe stata lanciata e rilanciata sui social del leader leghista, ma non oggi. 

 

Dopo la scelta "governista" del partito, che ha detto sì all'esecutivo di larghe intese a guida Draghi, meglio evitare un tema caldo: Salvini è consapevole che proprio sui migranti si registrano le principali resistenze di Pd e Liberi e uguali ad accettare di sedersi con lui allo stesso tavolo.  Quindi, se ne occupi Bruxelles: "Bisogna coinvolgere l'Europa in quello che non è un problema solo italiano", ha detto nel corso di una conferenza stampa. Le priorità, adesso, sono altre. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali