FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Matrix, la lettera di DellʼUtri: "Smetto lo sciopero della fame"

Lʼex senatore spiega al conduttore Nicola Porro i motivi delle sue decisioni

"Per motivi familiari smetto da oggi lo sciopero del vitto, mentre continuo quello della terapia" E' quanto si legge nella lettera scritta da Marcello Dell'Utri e indirizzata al conduttore Nicola Porro in occasione della speciale puntata di "Matrix".

"Lo faccio per sottolineare ancora il mio caso particolare - continua l'ex senatore condannato a 7 anni per concorso in associazione mafiosa - ma anche per evidenziare quello generale della sorveglianza nelle carceri, che non è in grado di soddisfare quel livello di sanità e umanità necessario per chi è affetto da gravi e pericolose patologie."

Nella lettera Dell'Utri precisa poi che la sua non è una situazione isolata: "Conosco casi di detenuti in condizioni peggiori delle mie e senza voce alcuna per farsi sentire. Sono in balia di una magistratura cosiddetta di 'sorveglianza' che spesso nulla sorveglia e giudica con la vista corta d'una spanna. Sono mesi che ho chiesto di parlare col 'magistrato di sorveglianza' ma non ho mai avuto risposta. Ci tengo poi a ribadire che per me non chiedo alcuna grazia e invito anche a non prendere iniziative in tal senso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali