FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, Mattarella: "La Costituzione impone lʼequilibrio di bilancio" | Salvini: "Carta non impedisce cambio rotta coraggioso"

Il vicepremier risponde al richiamo del Presidente della Repubblica sulla necessità di conti pubblici in ordine: "Mattarella stia tranquillo, Manovra equilibrata". Poi attacca la Ue: "Di Bruxelles me ne frego"

"La Costituzione italiana dispone che occorre assicurare l'equilibrio di bilancio e la sostenibilità del debito pubblico". Lo ha ricordato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando della nota di aggiornamento del Def che guiderà la Manovra economica di fine anno. "Occorre tutelare i risparmi degli italiani, le risorse per famiglie e imprese e le pensioni, per rendere possibili interventi sociali concreti ed efficaci", ha aggiunto.

Mattarella: "Conti pubblici in ordine sono base per sicurezza sociale" - "Avere conti pubblici solidi e in ordine - ha ribadito il Capo dello Stato - è una condizione indispensabile di sicurezza sociale, soprattutto per i giovani e per il loro futuro".

La Costituzione "rappresenta la base e la garanzia della nostra libertà, della nostra democrazia. Detta le regole della nostra convivenza e indica i criteri per i comportamenti e le decisioni importanti, come quelle da assumere in questi giorni", ha sottolineato ancora il Presidente della Repubblica.

Salvini: "La Costituzione non impedisce un cambio rotta coraggioso" - Non si è fatta attendere la risposta del governo alle parole di Mattarella. A difendere la Manovra è "sceso in campo" Matteo Salvini. "La Costituzione impedisce forse di cambiare la legge Fornero, di ridurre le tasse alle Partite Iva e alle imprese, di aumentare le pensioni di invalidità, di assumere migliaia di poliziotti, carabinieri e pompieri, di aiutare i giovani a trovare un lavoro? Non mi pare", ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno.

"Mattarella stia tranquillo, Manovra equilibrata" - "Stia tranquillo il Presidente, dopo anni di Manovre economiche imposte dall'Europa che hanno fatto esplodere il debito pubblico (giunto ai suoi massimi storici) finalmente si cambia rotta e si scommette sul futuro e sulla crescita. Con equilibrio, con orgoglio e con coraggio. Prima gli Italiani, si passa dalle parole ai fatti", ha quindi aggiunto.

"Di Bruxelles me ne frego" - Salvini è poi passatto all'attacco della Ue, spiegando che quella su cui lavora il governo "è una Manovra che investe su coloro che soldi non ne hanno: pensionati, giovani disoccupati. Se a Bruxelles mi dicono che non lo posso fare me ne frego e lo faccio lo stesso".

M5s: "Ok conti in ordine, ma senza austerità" - Al monito del presidente Mattarella ha poi risposto anche il Movimento 5 Stelle. "Conti in ordine sì, ma senza austerità e tagli lineari che hanno già dimostrato, non solo in Italia, di essere una ricetta fallimentare. Sarà la prima Manovra espansiva dopo anni di grandi sofferenze per il nostro Paese. #ManovraDelPopolo", ha scritto infatti su Twitter Francesco D'Uva, capogruppo M5s alla Camera.

Di Maio: Mattarella non deve preoccuparsi - "Mattarella non deve preoccuparsi. Questa 'manovra del popolo' ha proprio la finalità di creare le condizioni per poi poter ridurre questo debito". E' quanto sottolinea il vicepremier Luigi Di Maio in risposta al monito arrivato dal Capo dello Stato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali