FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mamma domani, il ministro Costa: "Chi ha diritto al bonus avrà i suoi soldi"

Ma è tensione con lʼIstituto di previdenza. Il presidente Boeri aveva chiesto regole più chiare già dal 5 gennaio. Si rischiano ancora ritardi

Il diritto al bonus mamme non si perde. Lo assicura il ministro della Famiglia, Enrico Costa, spiegando che, nonostante i ritardi nel lancio della piattaforma per presentare le domande, il sostegno sarà assicurato alle donne che hanno i requisiti per potervi accedere. "Nessuno scaricabarile sulla pelle dei cittadini", dichiara dopo i ripetuti solleciti dell'Inps per rendere operativa la norma.

E precisa, come scrive "Repubblica": "Ho scritto all'Inps a dicembre, prima ancora che il bonus 'Mamma domani' entrasse in vigore, per chiedere di fare in fretta. E poi il dipartimento della Famiglia e il ministero del Lavoro hanno fornito tutto il supporto necessario per emanare la circolare operativa".

"Chi ha maturato il diritto al bonus in questi mesi potrà conseguire il sostegno", promette Costa. E ricorda: "Abbiamo fatto i salti mortali per fornire all'Istituto di previdenza la collaborazione che chiedevano, un'interlocuzione costruttiva", replicando all'Inps che dice di aver ricevuto indicazioni confuse: "Il tetto Isee non è mai stato contemplato per questo intervento. Abbiamo sempre detto che la misura sarebbe stata universale, per tutte le mamme, senza limiti reddituali. A fine gennaio c'erano già tutte le condizioni per costruire il percorso di attuazione".

"Mamma domani, il diritto c'è e sarà rispettato" - "Nel frattempo - prosegue - dall'Istituto previdenza abbiamo ricevuto rassicurazioni sul fatto che stavano preparando la piattaforma telematica per presentare le domande. Detto questo, l'importante ora è fare un gioco di squadra per attivare la misura. Ricordo che la circolare attuativa per il Bonus bebè arrivò a maggio. E che per il 'Mamma domani' il diritto acquisito rimane: tutte le neo-mamme dal primo gennaio 2017 hanno diritto alla prestazione".

Boeri: "Regole poco chiare" - Il presidente dell'Inps Tito Boeri aveva chiesto a Costa di chiarire i criteri di accesso già il 5 gennaio, in contemporanea con la presentazione della misura e lo stanziamento di 600 milioni di euro al fine, di "garantire l'operatività nel tempo più ravvicinato possibile". Il numero uno dell'istituto di previdenza faceva notare che il testo del ministero era stroppo generico e non permetteva di diventare pratica concreta. Non parlava di certificati, non definiva nel dettaglio le beneficiarie, insomma i parametri sulla base dei quali assengare i contributi. E soprattutto, Boeri diceva: fare in fretta.

Adesso, a più di due mesi di distanza, il ministro rassicura: le mamme avranno i loro soldi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali