FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

M5s, Di Maio riscrive le liste per le elezioni: "Via chi non convince"

Dopo le parlamentarie, il leader del Movimento alle prese con la scelta dei nomi per i collegi: "Stiamo verificando che tutte le persone siano compatibili."

Il Movimento 5 Stelle è alle prese con la compilazione delle liste per le prossime elezioni. E non mancano le polemiche. Candidati spostati, esclusi e poi riammessi: le modifiche vanno di pari passo con la composizione dei collegi, con molti dei capilista che credevano di correre anche per l'uninominale che lasceranno il campo ai nomi "forti" che Luigi Di Maio, con il suo comitato elettorale, sta cooptando in queste ultime ore. Ma sale il malumore che fa il paio con quello degli autocandidati che sono rimasti fuori. "Stiamo verificando che tutte le persone siano compatibili. Se ci sono persone legate ad ambienti politici o persone che non ci convincono per dinamiche che gli ruotano intorno, le escluderemo", chiarisce Di Maio.

Insomma, l'aggiornamento delle liste "è una dinamica normale ed è prevista dal regolamento" dice il Capo Politico del Movimento che mostra di non temere azioni legali da parte degli esclusi: "chi è candidato con noi ha sottoscritto un'autorizzazione" ad attendere "il parere fino all'ultimo giorno". Il M5s ritiene di essere blindato, fa spallucce sulle minacce di ricorso.

Come quelle che ha lanciato il Comitato #annullatetutto che chiede l'annullamento delle parlamentarie e la notifica a tutti gli autocandidati rimasti fuori della "motivazione alla base della esclusione". "Non possiamo accettare l'etichetta di ”infiltrati, arrivisti, indegni, scalatori e poltronisti”. Vi è l'onorabilità personale da difendere", scrivono in una raccomandata inviata a Grillo e Di Maio.

Ricorre in Tribunale, invece, l'avvocato calabrese Ugo Morelli, attivista grillino e "responsabile del Coordinamento dei meetup M5S di Roma e provincia" che si è rivolto al Codacons il cui presidente Carlo Rienzi ha depositato un analogo esposto alla Procura di Roma. Insomma fino a lunedì, quando verranno annunciate anche le candidature nei collegi, tutto può cambiare.

E la "tagliola" sembra abbattersi anche su candidati che credevano di avere l'elezione in pugno: anche perchè, fa spere lo staff M5s, sui candidati sono "arrivate decine e decine di segnalazioni" solo dopo che i profili sono stati diffusi sul blog. Come quella del veneto Gedorem Andreatta gestore di un hotel che ospitava profughi.

Più complessa la modifica nei collegi romani per la Camera dove Vittoria Baldino viene prima cancellata da un collegio e poi riammessa in altro, provocando a catena una serie di altri spostamenti. Sostituzioni anche in Calabria dove Maria Pompilio è stata scambiata con Silvana Abate. Quanto ai nomi "forti" attesi per i collegi, in vista degli annunci di lunedì si sa che si dovrebbe candidare a Ravenna per la Camera l'avvocato David Zanforlini, uno dei relatori del rapporto "Ecomafia 2017".

Anche l'ex magistrato, già Pretore a Imola e ora avvocato, Ezio Roi, sarebbe candidato a Ferrara per il Senato: è stato in prima linea nella campagna per il no al Referendum Costituzionale. La campagna elettorale intanto premia il candidato premier. Secondo una classifica Facebook, nell'ultima settimana Di Maio avrebbe fatto il pieno di "Like", commenti, condivisioni: +13 mila e passa, facendo salire il totale dei "ne parlano" a quota 306 mila.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali