FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Conte: "Grave che un premier tecnico si intrometta" | Draghi: "Ho parlato con il leader M5s, il governo non rischia"

L'ex premier si dice "sconcertato", ma promette che l'atteggiamento con l'esecutivo non cambierà. In serata ha poi avuto un lungo colloquio al Quirinale con il presidente Mattarella

beppe grillo giuseppe conte
Ansa

Tensione tra il M5s e il governo.

Il caso scoppia dopo un'intervista del sociologo Domenico De Masi, che ha riferito una confidenza ricevuta da Beppe Grillo nei suoi tre giorni a Roma: Mario Draghi avrebbe chiesto al garante di "rimuovere Conte dal M5s perché inadeguato". Arriva poi la replica di

Draghi

che rende noto di aver parlato con lo stesso ex premier: "Abbiamo cominciato a chiarirci. Il governo non rischia". E sempre da Palazzo Chigi si puntualizza: "Draghi non ha mai chiesto a Grillo di rimuovere Conte".


A conferma della gravità della situazione, mercoledì sera arriva anche la decisione di Draghi di lasciare in anticipo il vertice Nato di Madrid per rientrare a Roma e partecipare giovedì, è la versione ufficiale, al Consiglio dei ministri che si occuperà, tra l'altro, della questione bollette. Ma le preoccupazioni del
presidente del Consiglio potrebbero riguardare proprio le tensioni con la maggioranza. E non solo quelle con i pentastellati ma anche con la Lega irritata per  lo ius scholae e la cannabis.


 


Conte: "Sconcertato" - 

"Vorrei precisare che

Grillo

mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire che

siamo una comunità, lavoriamo insieme. Lo trovo sinceramente

grave che un premier tecnico

che ha avuto da noi investitura,

si intrometta nella vita di forze politiche che lo sostengono

per altro", aveva rivelato il presidente del M5s

Giuseppe Conte

, dicendosi

"sconcertato"

in riferimento a queste voci.


 


"Dal governo non mi aspettavo telefonate di questo tipo" -

 "Il nostro atteggiamento, che ho sempre definito leale, costruttivo, corretto nei confronti del governo, non cambia

neppure di fronte a episodi che reputo così gravi", ha precisato Conte. "Con lealtà e correttezza, abbiamo sempre spinto il governo a essere protagonista in Italia e in Europa e lo spingiamo a essere in consessi internazionali protagonista di telefonate di pace, volte a risolvere i problemi degli italiani, per il caro bollette. Ecco, non immaginavamo che ci fosse anche questo tipo di telefonate. Il nostro obiettivo non è sostenere Draghi, il nostro obiettivo è sostenere e tutelare gli interessi degli italiani", ha affermato poi il leader pentastellato. 


 


"Attaccano per distruggere il Movimento" - 

"Io sono attaccato quotidianamente

per distruggere il Movimento - ha detto ancora Conte -. E' sotto gli occhi di tutti, io personalmente e il Movimento siamo sotto attacco, perché alcune posizioni non rientrano nel pensiero diffuso, dominante. Qui sono in gioco i valori della democrazia. Le forze politiche sono il pilastro delle nostre istituzioni democratiche. Sbaglierebbe qualcuno che può godere o sghignazzare di questi passaggi".


 


Colloquio al Quirinale con il presidente Mattarella -

Dopo una lunga giornata caratterizzata da precisazioni e smentite, Conte è poi salito al Quirinale dove ha avuto un lungo colloquio con il presidente Sergio Mattarella. Nel corso dell'incontro, durato un'ora, Conte avrebbe parlato della gravità della situazione ma non di uscite dal governo da parte dei 5 stelle. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali