FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

L. elettorale, il 27 febbraio alla Camera Matteo Renzi: "Evitare vitalizi, ingiusti"

La decisione dei capigruppo dopo le pressioni del M5S, che ha chiesto di iniziare presto la discussione sul Legalicum a Montecitorio, per poi armonizzare la legge anche al Senato e andare subito al voto

L. elettorale, il 27 febbraio alla Camera Matteo Renzi: "Evitare vitalizi, ingiusti"

La legge elettorale sarà esaminata il 27 febbraio alla Camera. Lo ha annunciato il vicepresidente di Montecitorio Luigi Di Maio. I tempi del provvedimento saranno contingentati. Favorevoli alla calendarizzazione M5S, Pd, Lega e Fdi. Contrari Forza Italia e Misto. "Ci auguriamo - ha commentato Di Maio - di avere il testo di legge da inviare al Senato entro marzo". "Inaccettabile", ha ribattuto il capogruppo Fi Renato Brunetta.

Testo in Aula solo dopo l'ok della Commissione - La legge elettorale è stata calendarizzata per il 27 febbraio con la formula "ove la Commissione abbia concluso i lavori". Quindi se la Commissione Affari costituzionali non approverà entro il 26 febbraio il testo, la data del 27 salterà. La calendarizzazione a fine mese, hanno spiegato il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio e il presidente del gruppo Misto Pino Pisicchio, consentirà (se il testo effettivamente approderà in Aula) il contingentamento dei tempi dall'1 marzo.

Renzi (Pd): "Evitare vitalizi, ingiusti per i cittadini" - "Per me votare nel 2017 o nel 2018 è lo stesso. L'unica cosa è evitare che scattino i vitalizi perché sarebbe molto ingiusto verso i cittadini. Sarebbe assurdo". Lo ha sottolineato il segretario del Pd Matteo Renzi.

Caso (M5S): "Accolta nostra richiesta" - "E' stata accolta la nostra proposta di calendarizzazione in Aula al più presto, così da rispettare quello che gli italiani hanno chiesto con il referendum". Lo ha dichiarato il capogruppo M5S Vincenzo Caso, "soddisfatto" per la fissazione della data di inizio dell'esame della legge, "in modo da andare al voto al più presto possibile". "Può essere - ha spiegato - un passaggio velocissimo e siamo contenti".

Rosato (Pd): "Accelerazione vera, serve responsabilità" - "E' un'accelerazione vera. C'è l'interesse di tutte le forze politiche, tranne una, di fare rapidamente una legge elettorale". Lo ha detto il capogruppo dei deputati Pd Ettore Rosato, aggiungendo: "Noi abbiamo fatto un calendario che consente di andare rapidamente in aula. E' un tema già discusso a lungo in Parlamento, le posizioni sono note, si tratta di far prevalere una sintesi politica e di fare un lavoro che consenta di raccogliere le indicazioni del Presidente Mattarella per avere un sistema più ordinato possibile: noi abbiamo tutto l'interesse di farlo. Per questo però occorre un senso di responsabilità di tutti".

Brunetta (Fi): "Inaccettabile. Pd vuole andare a elezioni subito" - "E' inaccettabile il comportamento del Pd che vuole contingentare di fatto i tempi di esame della legge elettorale". Lo ha affermato il presidente dei deputati di Fi Renato Brunetta dopo la fissazione della data di inizio dell'esame della legge elettorale. "Il Pd e altri vogliono forzature, e comunque aspirano a un clima parlamentare rissoso. Metteranno la fiducia? La volta scorsa gli è finita male. Siamo allo stesso copione della scorsa volta. Il Pd vuole le elezioni anticipate e Renzi vuole la rivincita. Ma chi ha la fregola di solito finisce male", ha concluso Brunetta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali