FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Jobs Act, la Consulta: illegittimo il criterio di indennizzo per il licenziamento

Per i giudici determinarlo solo in base allʼanzianità di servizio del lavoratore è contrario ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza

Jobs Act, la Consulta: illegittimo il criterio di indennizzo per il licenziamento

La norma sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti del Jobs Act è illegittima nella parte in cui determina in modo rigido l'indennità spettante al lavoratore ingiustificatamente licenziato. Lo ha stabilito la Corte costituzionale. La Consulta ha dichiarato illegittime le disposizioni in materia contenute nell'articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n.23/2015, non modificate dal successivo Decreto Dignità.

Secondo i giudici, la previsione di un'indennità crescente in ragione della sola anzianità di servizio del lavoratore è contraria ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza, e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione.

Tutte le altre questioni relative ai licenziamenti sono state invece dichiarate inammissibili o infondate. La sentenza sarà depositata nelle prossime settimane.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali