FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il ministro Minniti: "Il fascismo in Italia è morto per sempre"

Il caso di Macerata è stato "una rappresaglia ingiustificata e ingiustificabile di odio razziale. E in Italia non cʼeʼ posto né per la rappresaglia né per lʼodio razziale"

Il ministro Minniti: "Il fascismo in Italia è morto per sempre"

In Italia il fascismo "è morto per sempre e non ha lasciato un buon ricordo". A dirlo è il ministro dell'Interno, Marco Minniti, secondo il quale "il fascismo e il nazismo sono morti per sempre e per quanto mi riguarda, parlo da ministro, c'è un limite oltre il quale non si può andare in una democrazia e non consentiremo a nessuno di superare questo limite". Per il ministro, inoltre, nel nostro Paese "non c'è posto per l'odio razziale".

Parlando del caso Macerata, Minniti ha definito gli atti di violenta di Traini "una rappresaglia ingiustificata e ingiustificabile. Non c'è nessuna ragione al mondo che possa giustificare un atto criminale di un criminale". Secondo il ministro, "l'unico punto di connessione che legava le vittime di questa rappresaglia era il colore della pelle e tutto questo la fa diventare inaccettabile perché diventa di odio razziale. E in Italia non c'e' posto né per la rappresaglia né per l'odio razziale".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali